L'ANNIVERSARIO. Borsellino 30 anni dopo. I depistaggi, le rimozioni

L'ANNIVERSARIO. Borsellino 30 anni dopo. I depistaggi, le rimozioni

borsellino1

BORSELLINO 30 ANNI DOPO VIA D’AMELI
IL DEPISTAGGIO DELLO STATO
LE NOTIZIE CHE NON TUTTI CONOSCONO

Lo Stato, in sue diversi articolazioni, invece di accertare la verità su Borsellino ha ingannato l’opinione pubblica. A trent’anni della strage di via D’Amelio chi si occupa di questo argomento ha il dovere si scrivere questo, indicando responsabilità, depistaggi e fatti certi.

Sul punto offro alcune notizie che non tutti conoscono:
1) Pochi giorni fa il tribunale di Caltanissetta ha dichiarato prescritte le accuse contestate a Mario Bo e Fabrizio Mattei, due dei tre poliziotti accusati di avere depistato le indagini sulla strage di via D'Amelio costata la vita al giudice Paolo Borsellino e agli agenti della scorta. Assolto il terzo imputato, Michele Ribaudo. Erano imputati di calunnia aggravata dall'avere favorito la mafia. Il venire meno dell'aggravante ha determinato la prescrizione del reato di calunnia.
Secondo la Procura, gli imputati, che appartenevano al pool incaricato di indagare sulle stragi del '92, con la regia del loro capo, Arnaldo La Barbera, poi deceduto, avrebbero creato ad arte i falsi pentiti Vincenzo Scarantino, Salvatore Candura e Francesco Andriotta, costringendoli a mentire e ad accusare della strage persone poi rivelatesi innocenti e che hanno scontato ingiustamente anni di carcere.

2) il lavoro dei pm nisseni e le dichiarazioni del pentito Gaspare Spatuzza, che ha ridisegnato le responsabilità nell'attentato dei clan rimasti fuori dalle indagini, e che ha scagionato gli imputati accusati ingiustamente, ha svelato un depistaggio, definito dai giudici dell'ultimo processo sulla morte di Borsellino come il più grave della storia della Repubblica. 
Depistaggio che questa sentenza non esclude. 

3) la pista Scarantino, improbabile mafioso e pentito, è stata accreditata e voluta dall'ex capo della Mobile di Palermo, Arnaldo La Barbera, capo del gruppo investigativo delle stragi che aveva fretta di chiudere le indagini.

4) Un documento ha rivelato che La Barbera, morto nel 2002, era un uomo del Sisde indicato a volte come "Fonte Catullo" altre volte come “Rotilius”. Era lui a guidare i funzionari di polizia poi promossi, ora prescritti e assolti.

5) Paolo Borsellino non venne coinvolto nelle indagini di Caltanissetta sulla strage di Capaci.

6) I magistrati che indagarono su via D’Amelio hanno riferito alla Commissione d’inchiesta della regione Sicilia: “Ci accorgemmo che Scarantino non era credibile, ma come potevamo fermarci?”

7) Alle indagini su via D’Amelio partecipò Ilde Boccassini che in una relazione scritta con il collega Saieva fa presente che Scarantino non era credibile e che la sua verità era costruita ad arte. La relazione dei magistrati, secondo Claudio Fava, è sparita dagli atti.

8) Quando Spatuzza confessa di essere autore della strage uno dei magistrati di Caltanissetta ritiene le sue dichiarazioni “non rilevanti” e sostiene che quella confessione “potrebbe mettere in dubbio le verità accertate”.  

9) L'ex pm di Marsala Massimo Russo, alla vigilia della strage di via D'Amelio, ha detto all'Ansa che i depistaggi cominciarono a Marsala con le dichiarazioni di Vincenzo Calcara. Ha poi ricordato di quando, Paolo Borsellino (siamo a fine giugno 1992) gli confidò di essere stato "tradito" da un amico e di "sentirsi in un covo di vipere" a Palermo.

(Fonti ) Ansa, Gianfranco Criscenti, Claudio Fava in “Archiviare Borsellino” il Venerdì di Repubblica.
Su Borsellino e i depistaggi ho scritto un capitolo del mio libro “Toghe rosse sangue”. (“Città del Sole”)


  • INTERVENTI. Il «fascismo atlantico» di Luciano Canfora come nuova categoria storica

    GIUSEPPE TRIPODI
    Il fascismo, nella sua ormai ultrasecolare esistenza, è stato oggetto di una grande quantità di definizioni; alcune, dovute agli intelletti più lungimiranti, nascevano dalla pratica della violenza che sin dall’inizio fu la cifra fondamentale delle…
  • LA RECENSIONE. Una luce abbondante, Sonia Serazzi, Rubbettino

    MARIA FRANCO
    Francabbù ha dovuto imparare presto «a sbrigare quasi tutto da sola: faccio bollire la pasta per tre; stendo i panni appena vedo il sole; spazzo i pavimenti; apparecchio e sparecchio; mi cambio i vestiti quando è necessario; mi taglio le unghie cortissime;…
  • L'INTERVENTO. Quella analisi di Alvaro con cui la Calabria non ha ancora fatto i conti

    MARCELLO FURRIOLO
    Ha ragione Filippo Veltri a riprendere un illuminante articolo di Corrado Alvaro del 5 ottobre 1955, pochi mesi prima di morire, scritto sul primo numero dell’Espresso formato giornale, già recuperato dall’amico Aldo Varano nel prezioso archivio dei suoi…
  • GLI INTERVENTI. Una scuola per amico

    L Alfieri, A Cantaro, F Losurdo
    Sviluppo umano Vivere la Costituzione, la Scuola di fuoricollana e Itinerari e incontri. Il "Manifesto" scritto da Luigi Alfieri, Antonio Cantaro e Federico Losurdo. Faremo quello che potremo, arriveremo dove potremo arrivare, con tutti quelli che vorranno…
  • L'ANALISI. La lunga fatica per avvicinare Pd e Cinquestelle

    ISAIA SALES
    Nelle elezioni del 2013 il Pd era stato uno dei principali bersagli delle invettive dei Cinquestelle e considerato, allo stesso modo di Berlusconi, una delle cause dei disastri del Paese. L’odio politico era ampiamente ricambiato dal gruppo dirigente del Pd…
  • ARCHIVIO. Armando Veneto, ora assolto da tutte le infamie

    ALDO VARANO
    UNO. Avevamo tutti la stessa opinione. “Quello è un avvocato di ‘ndrangheta”. Giornalisti che facevano i corrispondenti dalla Calabria per qualche giornale importante di Roma o Milano. Inviati dei grandi quotidiani e settimanali che arrivavano qui per…
  • DIBATTITI. La Strada l'1 marzo incontro sul Ponte non praticabile

    ZoomSud
    Venerdì 1 marzo ore 16.00 incontro pubblico “Ponte non praticabile” presso aula consiglio comunale di Palazzo San Giorgio - Reggio Calabria Venerdì 1 marzo dalle ore 16.00 presso l’aula del Consiglio Comunale di Reggio Calabria, a Palazzo San Giorgio, si…
  • POLITICA. Lo stato di salute della Costituzione

    ANTONIO CANTARO
    Un chiarimento è doveroso. Perché inaugurare una Scuola di educazione alla politica in un seminario sullo Stato della Costituzione che ha tra i suoi protagonisti tre autorevoli giuristi e filosofi e tre loro recenti saggi? Innanzitutto, perché c’è più di un…
  • ARCHIVIO. Operazione Aspromonte. Psicologia della macchia*

    CORRADO ALVARO
    Sui casi di Calabria abbiamo domandato a Corrado Alvaro, scrittore calabrese che trae la sua ispirazione prevalentemente dal paese in cui nacque, questa nota sulle condizioni in cui si sono venuti a trovare i contadini e i pastori dell’Aspromonte in seguito…
  • DIBATTITI. Spazio Open: oggi Melia e Veltri e i loro libri sui sequestri di persona

    ZoomSud
    OGGI Giovedì 29 febbraio alle ore 18 presso Spazio Open in via Filippini a Reggio Calabria l’ incontro con i giornalisti Pietro Melia e Filippo Veltri e la presentazione dei loro libri inchiesta editi dalla casa editrice Città del Sole, sul tema dei sequestri…
  • La scuola e la Giornata della Memoria. Perché non accada mai più

    GUIDO LEONE*
    Ricordare perché questo non accada più. Questo è la finalità insita nella legge dello Stato n.211 del 20 luglio 2000 che riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, ”Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah…
  • UNICAL, UN ESEMPIO PER TUTTA LA CALABRIA

    FIIPPO VELTRI
    Sono anni che andiamo scrivendo che le sole due cose che davvero hanno funzionato dalle nostre parti negli ultimi decenni sono il porto di Gioia Tauro e l’Università della Calabria. I record che raggiunge lo scalo di Gioia, nonostante i tanti problemi a…
  • Epitaffio per Georges Drettas, linguista (Parigi 1945-Creteil 2023)

    GIUSEPPE TRIPODI
    Ho conosciuto Georges Drettas a Melito P.S. verso la metà degli anni Ottanta del Novecento, di estate: abitava nella casa di Maria Minicuci che faceva angolo tra via Matteotti e via Roma. Lei (profilo su Wikipedia) era allieva e collaboratrice di L.M.…
  • L'ANALISI. L'Autonomia differenziata rende ufficiale la disuguaglianza tra Nord e Sud dell'Italia

    ISAIA SALES
    Nell’aprile del 1984 fu registrato a Varese l’atto notarile con cui nasceva la Lega Autonomista Lombarda, che poi assumerà il nome di Lega nord. Il partito fondato da Umberto Bossi (e guidato oggi da Matteo Salvini) è, quindi, il più longevo tra tutti quelli…
  • QUATTRO. Il Commissario Montalbano: Sironi, Zingaretti e Tavarelli

    FRANCESCO RUSSO*
    A ridosso dell’inizio del XXI secolo, comincia ad essere prodotta una nuova serie tv, con la caratteristica però di avere tutti episodi indipendenti e conclusi in una puntata. Il fenomeno Montalbano aveva avuto inizio qualche anno prima. Nel 1994 veniva…