L'ANALISI. Quei terribili silenzi su Alta velocità, Pil e Autonomia differenziata

L'ANALISI. Quei terribili silenzi su Alta velocità, Pil e Autonomia differenziata
È un momento di svolta per le regioni italiane del profondo Sud. L’autonomia differenziata incombe a passi marziali. Il Governo centrale ha posto in campo una proposta conclusiva, le forze che non partecipano oggi al governo hanno, nel tempo, messo a punto proposte di autonomia a partire dalla modificazione del Titolo V della Costituzione. È quindi necessario “porre un argine alle inaccettabili letture dell’autonomia differenziata che sono alla base delle richieste avanzate in specie da Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna.” Come si legge nel DDL di riforma Costituzionale di iniziativa popolare, primi firmatari Massimo Villone, prof Diritto costituzionale Uni. di Napoli, Adriano Giannola, presidente SVIMEZ, Eugenio Mazzarella, prof Filosofia teoretica Uni. di Napoli, Gianfranco Viesti, prof Economia applicata Uni. di Bari, Marco Esposito, giornalista e saggista.

Siamo ormai alla stretta finale. Il rischio è di spaccare l’Italia. I tecnici costituzionalisti stanno chiarendo bene quale futuro possibile attende il Paese qualora i progetti di autonomia differenziata vadano in porto. Se il dibattito sui futuri possibili per l’assetto della Repubblica va avanti, la realtà attuale sta decretando la separazione netta dell’Italia del Sud da quella centro-settentrionale sul piano infrastrutturale ferroviario. Questa frattura da infrastrutturale si trasforma in sociale ed economica. Ed è sempre più chiaro leggere gli elementi dello sviluppo bloccato.

UNO Sviluppo sociale. Il rapporto pubblicato del Ministero del 22 Ottobre 2022 riporta a pag 108 una carta dell’accessibilità ferroviaria. Dalla carta emerge che la Calabria, di tutte le regioni della penisola, è quella che sta peggio, insieme alle isole maggiori Sicilia e Sardegna, ma senza l’alibi del mare. L’accessibilità viene calcolata come quantità di popolazione italiana raggiungibile in meno di 4 ore con il treno. Dalla Calabria si può raggiungere meno del 5% della popolazione italiana, mentre ad esempio da Roma, da Bologna, da Firenze si raggiunge più del 35% della popolazione. Cioè una accessibilità almeno 7 volte più grande.

DUE Sviluppo infrastrutturale. Nel rapporto SVIMEZ 2022 viene riportata una carta dell’Europa in cui
vengono rappresentate le velocità commerciali sulle reti ferroviarie. Emerge che Francia, Germania, Spagna sono coperte con linee da più di 120 o 150 km/h da Sud a Nord e da Est ad Ovest, in maniera omogenea. L’Italia ha linee con velocità superiori a 150 km/h in modo omogeneo da Sud a Nord, da Est ad Ovest, ma fino a Napoli. A Sud di Napoli nulla.

TRE Sviluppo Economico. Dal rapporto SVIMEZ 2022 emerge che “nel 2023 il PIL italiano dovrebbe crescere dello 0,5%, un dato portato in terreno positivo dal Centro-Nord (+0,8%), mentre il Sud entrerebbe in recessione (-0,4%).”

Questi pochi elementi delineano il quadro del Mezzogiorno. L’Autonomia differenziata verso cui si sta
andando porterà a compimento la spaccatura del Paese.
Si consideri quanto sta accadendo sul piano infrastrutturale e si considerino le ferrovie che rappresentano l’elemento più chiaro della possibilità di sviluppo sociale, economico ed ambientale.
Dagli studi sugli impatti dell’Alta Velocità (AV) italiana è emerso che, nei territori con l'AV, ed a parità di
altre condizioni economiche, il PIL è cresciuto di 7 punti in più rispetto ai territori che non l’hanno, e ciò sia nell'Italia settentrionale che in quella meridionale. L'AV ha aumentato direttamente il PIL nelle aree
raggiunte da un minimo del 5,6% a un massimo dell'11,8%.

Dalla letteratura scientifica emerge che l’AV produce nelle città collegate in 3-4 ore, l’incremento di PIL
annuo differenziale di circa 1%. L’incremento si riduce al crescere del tempo e si annulla tra 5 e 7 ore.
L’incremento annuo positivo dell’1% abbatterebbe la riduzione prevista da SVIMEZ per il Sud. Per il 2023
invece di avere -0.4% avremmo +0.6%. Per l’anno successivo si potrebbe sfiorare il +2%.

Dagli studi svolti in Spagna, in Francia ed in tutti i Paesi dove è stata realizzata l’AV emerge che perseguire
solo l'efficienza di una rete AV, induce pesanti effetti di polarizzazione spaziale, con drammatici impatti
sull'equità territoriale tra le aree dotate di AV e quelle non dotate. In Italia la realizzazione dell’AV ha
prodotto e sta producendo e produrrà un aumento della forbice sociale ed economica tra Nord e Sud.

Cosa propone e realizza il Governo italiano oggi, senza ancora l’autonomia differenziata. 
Per la CALABRIA il Governo nazionale ha proposto una linea ferroviaria di Alta Velocità lunga 445
chilometri, a fronte della linea convenzionale (attualmente in uso) tra Salerno e Reggio Calabria che è di
393 chilometri. La linea AV proposta dal Governo ha quindi una maggiore lunghezza di 52 chilometri. Unico caso in Italia, in Europa e nel mondo. 52 chilometri in più significano: da un lato più costi, almeno 2 miliardi e mezzo, e quindi più scavi e più cemento, dall’altro più tempo per percorrere il tratto Salerno-Reggio di una AV fatta parallela alla linea esistente. In tutto il pianeta quando si realizza una linea AV, questa è sempre più corta dell’esistente.

Nel Sud Italia, unico caso nel pianeta terra, la linea AV è più lunga. Così si potrà dire tra 10 anni che così l’hanno voluta i meridionali.

Per la SICILIA il Governo nazionale prevede che con l’Alta Velocità Palermo-Catania il tempo attuale di 3 ore verrà ridotto di un’ora ed il tragitto sarà coperto in 2 ore. Il Governo e le Ferrovie stanno realizzando 100 chilometri di linea completamente nuova, ci si aspetterebbe che si realizzasse una Alta Velocità vera, come nel resto d’Italia, come per esempio tra Roma e Napoli.

Invece cosa accade? La distanza ferroviaria tra Catania e Palermo con la linea attuale è di 240 chilometri.
Riducendo della percentuale media europea del 12 %, si potrebbe realizzare una linea da 220 chilometri. La distanza tra Roma Termini e Napoli-Afragola, lungo la linea ad Alta Velocità, è di 210 chilometri e il treno impiega 55 minuti. Se sulla futura Catania-Palermo il treno potesse camminare con la stessa velocità che ha sulla Roma-Napoli, il tempo sarebbe di 1 ora e non di 2. Come chiunque può verificare.

È drammatico il silenzio dei Governi regionali per l’AV, è drammatico il silenzio dei vertici dei partiti di
maggioranza e di opposizione. Il silenzio è forse connesso con l’autonomia differenziata, con la spesa storica: realizzare una AV vera in Sicilia e Calabria vorrebbe dire impegnare le stesse risorse che già 15 anni addietro sono state spese nelle altre regioni italiane; vorrebbe dire garantire gli stessi Livelli Essenziali delle Prestazioni per il diritto alla mobilità. Spendere bene le risorse già spese nelle altre regioni farebbe impennare il PIL di Calabria e Sicilia rendendolo sempre più che positivo. Realizzare una vera AV contrasterebbe il disagio sociale con una grande integrazione, sul piano dell’accessibilità, delle aree interne delle due regioni.

*Unirc
  • TRE. La Piovra di Damiano Damiani (prima miniserie)

    FRANCESCO RUSSO*
    I temi drammatici della sfida che la mafia ha posto allo Stato sono posti con grande attenzione nelle 10 miniserie della Piovra. Dall’uccisione del capo della Squadra Mobile della polizia (Commissario Marineo), con cui si apre il primo episodio, agli affari…
  • ANASSILAOS: il terremoto del 28 dicembre 1908

    ANASILAOS
    (Riceviamo e pubblichiamo). Racconta il Canonico Rocco Vilardi come a Reggio Calabria, nella giornata del 27 dicembre 1908, la temperatura fosse mite e sciroccosa. Il mare, dalle cui profondità si sarebbe di lì a poco scatenata la tragedia, placido, quasi…
  • L'ANALISI. Ma le piazze non bastano

    FIIPPO VELTRI
    Bisognerebbe che tutto il popolo della sinistra (dentro e fuori il PD) innalzasse inni di gioia alle riflessioni che da tempo il prof. Antonio Floridia, un siciliano trapiantato a Firenze (e che non vuole nemmeno essere chiamato professore!) ci regala con…
  • DUE. Milano trema: la polizia vuole giustizia, regia di Sergio Martino

    FRANCESCO RUSSO*
    Film di serie B, cosi sono stati liquidati tutti i film degli anni 70 che trasferivano il far west immaginato in Italia negli anni 60, nelle realtà urbane italiane, che intanto erano cresciute, sulla spinta del boom economico, in modo disordinato, aumentando…
  • CALABRIA. La moneta fuori corso degli immigrati

    FIIPPO VELTRI
    Quella che stiamo per raccontarvi è un’altra vicenda della Calabria poco conosciuta ma esemplare. Esemplare di che? Di tante cose che potevano, potrebbero, andare in un modo e che invece vanno in tutt’altra direzione; di come taluni si impegnano per davvero ma…
  • Il PNRR è scattato grazie al Sud, guai non dare ora un colpo alla questione Meridionale

    ISAIA SALES
    Il piano nazionale di rinascita e resilienza (Pnrr) ha destinato, com’è noto, il 40% delle risorse al Sud. In base ai regolamenti europei sulle politiche di coesione, infatti, vengono aiutate di più le nazioni che presentano maggiori squilibri territoriali.…
  • UNO. Il giorno della civetta, di Damiano Damiani

    FRANCESCO RUSSO*
    Il capitano Bellodi, emiliano di Parma, per tradizione familiare repubblicano, e per convinzione, faceva quello che in antico si diceva il mestiere delle armi, e in un corpo di polizia, con la fede di un uomo che ha partecipato a una rivoluzione e dalla…
  • L'INTERVENTO. Ferrovie: in Calabria con Salvini e Cdx solo passi indietro

    ENZA BRUNO BOSSIO e FRANCESCA DORATO
    Il commissario regionale della Lega distorce con grande disinvoltura la dichiarazione che il senatore Nicola Irto ha inteso fare sui dati che Legambiente ha fornito sulla vetustà e sull'elevato rischio di insicurezza della rete ferroviaria calabrese. Il…
  • LE CRESPELLE o meglio I CRISPEDDHI

    CATERINA MALARA
    Quattro sono le date canoniche in cui a Reggio si fanno i crispeddhi: in dicembre per la festa dell’Immacolata e le vigilie di Natale e Capodanno, in marzo per la festa di San Giuseppe. Conservo ancora “u bavanu” in cui prima mia nonna e poi mia madre le…
  • L'ANALISI. SVIMEZ: nel Mezzogiorno gli allarmi più allarmanti

    FIIPPO VELTRI
    Lo Svimez nel suo rapporto annuale ha fatto un’analisi a 360 gradi sullo stato dell’arte del meridione italiano. Due sono gli aspetti particolari che vanno però, a distanza di alcuni giorni, ripresi e amplificati. Sono allarmi più allarmanti in ottica…
  • In memoria del professore Versace

    MASSIMO VELTRI
    Ci ha lasciato alcune ore fa Pasquale, per tutti Lino, Versace, professore emerito: non amava i clamori della cronaca, preferiva fare. Conobbi Lino Versace esattamente cinquanta anni fa in un’aula del Polifunzionale di Arcavacata. Barba lunghissima come i…
  • CALABRIA. I numeri veri della nostra economia

    FIIPPO VELTRI
    Qualche settimana fa la Banca d’ Italia ha diffuso un aggiornamento sulla situazione economica calabrese su cui non pare essersi davvero interessato alcuno degli attori politici ed istituzionali locali. E anche quelli imprenditoriali appaiono come essere…
  • L’INTERVENTO. Ma il vero leader dell’opposizione è Landini

    FIIPPO VELTRI
    Il segretario della Cgil Maurizio Landini non ha deluso le attese alla prima puntata dello sciopero generale del 17, in attesa delle altre manifestazioni già indette. Non che Landini abbia dimenticato la legge di bilancio «piena di porcherie» o «i condoni che…
  • L'ANALISI. Meloni e il Premierato Infantile

    ANTONIO CANTARO*
    1. Gli eredi della fiamma tricolore hanno, dunque, alla fine scelto per il premierato elettivo. Diciamo subito in sintesi di cosa si tratta, poi spiegheremo più nel dettaglio. Si scrive premierato elettivo, si legge premierato infantile.La peggiore forma di…
  • L'ANALISI. Spacchitalia (Lega) e populismo presidenziale (FdI): l'identità bicefala della destra

    ISAIA SALES
    Se la riforma sul capo del governo eletto direttamente dal popolo è “la madre di tutte le riforme”, come sobriamente l’ha definita Giorgia Meloni, viene spontaneamente da chiedersi chi riveste il ruolo di padre, zio o parente stretto nella ennesima stagione…