COM'ERAVAMO IN CALABRIA. I nostri dolci di Natale

COM'ERAVAMO IN CALABRIA. I nostri dolci di Natale
A Reggio e dintorni si chiamano “petràli”, in altre zone della Calabria non so, ma nell’Alto Jonio Reggino li chiamiamo “pitti ’i San Martinu”, anche se non sono focacce e non si sa cosa c’entri il Santo. Comunque, la loro preparazione tradizionale iniziava… in piena estate! Sì, perché bisognava scegliere i fichi migliori, aprirli per il lungo e metterli a
seccare al sole, ben protetti da un velo contro le visite di insetti golosi. 

In settembre, si preparavano i “pàssuli”, selezionando dei grappoli di uva bianca dai grossi acini, scottandoli in acqua bollente e mettendoli ad asciugare al sole. Appena vendemmiato, si faceva il “vinu cottu”, mettendo a bollire a lungo del mosto, buonissimo poi anche per la “scirubetta”, la granita che si preparava con la prima neve!

Intanto, era giunta l’ora di accordarsi con qualche contadino perché mettesse da parte le noci migliori, molte noci, perché “si devono sentire in bocca!” - diceva la nonna.

Dopo la Festa dell’Immacolata, si iniziava a preparare la “pasta”, che non era la sfoglia, ma la farcia. Innanzitutto, andavano tolti i semi dagli acini dei “pàssuli”, un compito noiosissimo da far svolgere ai bambini, ma sotto stretta
sorveglianza, altrimenti ne sarebbero rimasti pochini… Dopo, si tagliavano a pezzi piccoli i fichi secchi e più grossi le noci, “pecchí sutt’e denti ‘nd’hannu ‘u si sentunu!”- diceva la nonna.

Nel frattempo, erano giunti a maturazione i nostri mandarini ed alcune - profumatissime! - bucce, finemente tritate, andavano assolutamente aggiunte alla frutta secca, aromatizzata con “vinu cottu”, poi con cannella e chiodi di
garofano: gli unici due ingredienti non di produzione locale. L’impasto veniva lasciato riposare alcuni giorni, mescolandolo di tanto in tanto; poi si preparava la sfoglia con farina, zucchero ed uova, la si stendeva sottile e sopra si spalmava la farcia.

Le “pitte” potevano essere aperte, tipo crostatine, oppure chiuse come un calzone, sulla cui superficie si intagliavano delle aperture. Poi si cospargevano di codetta e si cuocevano nel forno a legna. Per molti anni, ricordo quantità industriali di “pitti” in casa. Tra quelle preparate da ogni famiglia - non farlo era un brutto segno: di lutto o di qualche
grave malattia - e quelle regalate da vicini e parenti (lo scambio era d’obbligo!) noi bambini ci facevamo ogni giorno colazione, pranzo, merenda e cena. Ciononostante, poco ci mancava che durassero fino alla Candelora che, secondo la Chiesa Cattolica, sancisce la chiusura del periodo natalizio!

Oggi questi dolci si possono acquistare praticamente in ogni periodo dell’anno; la preparazione varia, c’è chi all’impasto aggiunge caffè, cacao, mandorle, ma a me piace ricordare la nostra ricetta tradizionale che aveva il sapore di un rito, faceva partire l’Avvento in piena estate e rendeva i Natali della gente semplice e laboriosa quale eravamo davvero magici!
  • TRE. La Piovra di Damiano Damiani (prima miniserie)

    FRANCESCO RUSSO*
    I temi drammatici della sfida che la mafia ha posto allo Stato sono posti con grande attenzione nelle 10 miniserie della Piovra. Dall’uccisione del capo della Squadra Mobile della polizia (Commissario Marineo), con cui si apre il primo episodio, agli affari…
  • ANASSILAOS: il terremoto del 28 dicembre 1908

    ANASILAOS
    (Riceviamo e pubblichiamo). Racconta il Canonico Rocco Vilardi come a Reggio Calabria, nella giornata del 27 dicembre 1908, la temperatura fosse mite e sciroccosa. Il mare, dalle cui profondità si sarebbe di lì a poco scatenata la tragedia, placido, quasi…
  • L'ANALISI. Ma le piazze non bastano

    FIIPPO VELTRI
    Bisognerebbe che tutto il popolo della sinistra (dentro e fuori il PD) innalzasse inni di gioia alle riflessioni che da tempo il prof. Antonio Floridia, un siciliano trapiantato a Firenze (e che non vuole nemmeno essere chiamato professore!) ci regala con…
  • DUE. Milano trema: la polizia vuole giustizia, regia di Sergio Martino

    FRANCESCO RUSSO*
    Film di serie B, cosi sono stati liquidati tutti i film degli anni 70 che trasferivano il far west immaginato in Italia negli anni 60, nelle realtà urbane italiane, che intanto erano cresciute, sulla spinta del boom economico, in modo disordinato, aumentando…
  • CALABRIA. La moneta fuori corso degli immigrati

    FIIPPO VELTRI
    Quella che stiamo per raccontarvi è un’altra vicenda della Calabria poco conosciuta ma esemplare. Esemplare di che? Di tante cose che potevano, potrebbero, andare in un modo e che invece vanno in tutt’altra direzione; di come taluni si impegnano per davvero ma…
  • Il PNRR è scattato grazie al Sud, guai non dare ora un colpo alla questione Meridionale

    ISAIA SALES
    Il piano nazionale di rinascita e resilienza (Pnrr) ha destinato, com’è noto, il 40% delle risorse al Sud. In base ai regolamenti europei sulle politiche di coesione, infatti, vengono aiutate di più le nazioni che presentano maggiori squilibri territoriali.…
  • UNO. Il giorno della civetta, di Damiano Damiani

    FRANCESCO RUSSO*
    Il capitano Bellodi, emiliano di Parma, per tradizione familiare repubblicano, e per convinzione, faceva quello che in antico si diceva il mestiere delle armi, e in un corpo di polizia, con la fede di un uomo che ha partecipato a una rivoluzione e dalla…
  • L'INTERVENTO. Ferrovie: in Calabria con Salvini e Cdx solo passi indietro

    ENZA BRUNO BOSSIO e FRANCESCA DORATO
    Il commissario regionale della Lega distorce con grande disinvoltura la dichiarazione che il senatore Nicola Irto ha inteso fare sui dati che Legambiente ha fornito sulla vetustà e sull'elevato rischio di insicurezza della rete ferroviaria calabrese. Il…
  • LE CRESPELLE o meglio I CRISPEDDHI

    CATERINA MALARA
    Quattro sono le date canoniche in cui a Reggio si fanno i crispeddhi: in dicembre per la festa dell’Immacolata e le vigilie di Natale e Capodanno, in marzo per la festa di San Giuseppe. Conservo ancora “u bavanu” in cui prima mia nonna e poi mia madre le…
  • L'ANALISI. SVIMEZ: nel Mezzogiorno gli allarmi più allarmanti

    FIIPPO VELTRI
    Lo Svimez nel suo rapporto annuale ha fatto un’analisi a 360 gradi sullo stato dell’arte del meridione italiano. Due sono gli aspetti particolari che vanno però, a distanza di alcuni giorni, ripresi e amplificati. Sono allarmi più allarmanti in ottica…
  • In memoria del professore Versace

    MASSIMO VELTRI
    Ci ha lasciato alcune ore fa Pasquale, per tutti Lino, Versace, professore emerito: non amava i clamori della cronaca, preferiva fare. Conobbi Lino Versace esattamente cinquanta anni fa in un’aula del Polifunzionale di Arcavacata. Barba lunghissima come i…
  • CALABRIA. I numeri veri della nostra economia

    FIIPPO VELTRI
    Qualche settimana fa la Banca d’ Italia ha diffuso un aggiornamento sulla situazione economica calabrese su cui non pare essersi davvero interessato alcuno degli attori politici ed istituzionali locali. E anche quelli imprenditoriali appaiono come essere…
  • L’INTERVENTO. Ma il vero leader dell’opposizione è Landini

    FIIPPO VELTRI
    Il segretario della Cgil Maurizio Landini non ha deluso le attese alla prima puntata dello sciopero generale del 17, in attesa delle altre manifestazioni già indette. Non che Landini abbia dimenticato la legge di bilancio «piena di porcherie» o «i condoni che…
  • L'ANALISI. Meloni e il Premierato Infantile

    ANTONIO CANTARO*
    1. Gli eredi della fiamma tricolore hanno, dunque, alla fine scelto per il premierato elettivo. Diciamo subito in sintesi di cosa si tratta, poi spiegheremo più nel dettaglio. Si scrive premierato elettivo, si legge premierato infantile.La peggiore forma di…
  • L'ANALISI. Spacchitalia (Lega) e populismo presidenziale (FdI): l'identità bicefala della destra

    ISAIA SALES
    Se la riforma sul capo del governo eletto direttamente dal popolo è “la madre di tutte le riforme”, come sobriamente l’ha definita Giorgia Meloni, viene spontaneamente da chiedersi chi riveste il ruolo di padre, zio o parente stretto nella ennesima stagione…