L'ANALISI. Le lacrime di San Luca

L'ANALISI. Le lacrime di San Luca
Se nell’incidente stradale nel quale qualche giorno fa, in quel di Montauro sulla statale 106, fossero morte quattro persone di un altro centro della ionica, fate voi da Montegiordano a Reggio
Calabria c’è un’ampia scelta, avremmo parlato solo dell’ennesima tragedia su una strada assai pericolosa. Invece erano di San Luca i quattro morti e quando si parla del paese aspromontano si parla soprattutto di altro. A torto.

San Luca ha subito in tutti questi anni, sono decenni, una lunga scia di dolore, di morti, di pianti, di lacrime. Oltre 30 anni fa, era il 16 gennaio del 1990, in quel di Luino, nel nord dell’Italia, quattro furono uccisi a sangue freddo dai carabinieri perchè sospettati di preparare un sequestro di persona. Un’esecuzione in piena regola. Erano tre di San Luca ed uno di Natile di Careri. Reagì il paese dove nacque Corrado Alvaro ma da lì in poi si scatenò l’ondata razzista con centinaia di lettere contenenti improperi e offese inviate all’allora sindaco di San Luca. Ne feci assieme al mio amico e collega Diego Minuti un libro (mi si perdoni l’autocitazione ma serve per dire altro) che si chiamava ‘’Lettere a San Luca’’, che appunto 34 anni fa Giacomo Mancini e Pasquino Crupi (pace alle loro anime) vollero premiare coraggiosamente con il Premio Sila.

Furono quei due coraggiosi tra i pochi politici e intellettuali, calabresi e italiani, che capirono non solo quello che stava dietro l’esecuzione di Luino ma anche che quella montagna di insulti nelle lettere inviate al povero sindaco Strangio, tutte spedite dal nord Italia, nascondeva a stenti un razzismo crescente che poi sfociò nei movimenti politici che oggi ci ritroviamo, magari un pò più ripuliti nei toni ma sempre lì siamo. Scrisse cosi’ Corrado Stajano nella prefazione al libro: ‘’…è ancora acerba da noi l’idea di nazione e sono gravi e pregiudiziali i problemi irrisolti e lasciati a marcire da una classe dirigente incapace e corrotta..’’.

San Luca e altri paesi dell’Aspromonte ionico conobbero e pagarono per una lunga stagione di delitti collegati ai sequestri di persona, una piaga orribile che devastò tutta l’Italia, che poi finì perchè le cosche mafiose si dedicarono alla ben più remunerativa stagione del traffico di droga, che è invece tutt’altro che finita, mentre scoppiava - ancora a San Luca - una terribile faida tra famiglie e cosche rivali. Una faida che portò altri delitti, altro sangue, altre lacrime, altra infamia, altro marchio maledetto. 

E non era finita, perchè sullo sfondo c’era la famigerata strage di Duisburg, nella pizzeria in Germania dove si scatenò un’altra puntata di quella faida. E’ storia nota e arcinota ma tutta l’opinione pubblica mondiale puntò quel pugno di case aggrappate alla montagna come l’obbrobrio del mondo intero.
San Luca ha infatti sempre rappresentato questo: il buco nero dove buttare tutto, le malefatte vere e quelle fasulle, un immaginario dolente e un immaginario silente.

Mi hanno molto colpito le semplici e accorate parole dell’attuale sindaco di San Luca nei giorni immediatamente successivi all’incidente stradale di Montauro, per sottolineare come si invocasse una normalità di narrazione almeno in queste tragedie e mi hanno fatto tornare alla mente gli sforzi che in quel paese si stanno facendo per un ritorno appunto alla normalità: la biblioteca, il campo di calcio, la
squadra locale in serie D che gioca i derby con la Reggina e con il Locri e tanti altri tentativi.
Il tutto in un mare di difficoltà, interne ed esterne, in cui continua a pesare la cappa del marchio infame. Ma quelle quattro vittime di Montauro meritano oggi solo lacrime, altre lacrime, tante lacrime, altro dolore. E basta. San Luca non merita altro, èL gia’ tanto questo nuovo dolore.
  • L'INTERVENTO. Un referendum difensivo contro l’aggressione dell’Autonomia Differenziata

    FIIPPO VELTRI
    Anche in Calabria è nata La Via Maestra, un comitato regionale composto da Cgil Calabria, Arci, Acli, Anpi, Collettivo Valarioti, Cdc, Associazione Controcorrente, Emergency, Legambiente, Libera, Associazione G. Dossetti. È un fatto molto importante perché il…
  • INTERVENTI. Il «fascismo atlantico» di Luciano Canfora come nuova categoria storica

    GIUSEPPE TRIPODI
    Il fascismo, nella sua ormai ultrasecolare esistenza, è stato oggetto di una grande quantità di definizioni; alcune, dovute agli intelletti più lungimiranti, nascevano dalla pratica della violenza che sin dall’inizio fu la cifra fondamentale delle…
  • LA RECENSIONE. Una luce abbondante, Sonia Serazzi, Rubbettino

    MARIA FRANCO
    Francabbù ha dovuto imparare presto «a sbrigare quasi tutto da sola: faccio bollire la pasta per tre; stendo i panni appena vedo il sole; spazzo i pavimenti; apparecchio e sparecchio; mi cambio i vestiti quando è necessario; mi taglio le unghie cortissime;…
  • L'INTERVENTO. Quella analisi di Alvaro con cui la Calabria non ha ancora fatto i conti

    MARCELLO FURRIOLO
    Ha ragione Filippo Veltri a riprendere un illuminante articolo di Corrado Alvaro del 5 ottobre 1955, pochi mesi prima di morire, scritto sul primo numero dell’Espresso formato giornale, già recuperato dall’amico Aldo Varano nel prezioso archivio dei suoi…
  • GLI INTERVENTI. Una scuola per amico

    L Alfieri, A Cantaro, F Losurdo
    Sviluppo umano Vivere la Costituzione, la Scuola di fuoricollana e Itinerari e incontri. Il "Manifesto" scritto da Luigi Alfieri, Antonio Cantaro e Federico Losurdo. Faremo quello che potremo, arriveremo dove potremo arrivare, con tutti quelli che vorranno…
  • L'ANALISI. La lunga fatica per avvicinare Pd e Cinquestelle

    ISAIA SALES
    Nelle elezioni del 2013 il Pd era stato uno dei principali bersagli delle invettive dei Cinquestelle e considerato, allo stesso modo di Berlusconi, una delle cause dei disastri del Paese. L’odio politico era ampiamente ricambiato dal gruppo dirigente del Pd…
  • ARCHIVIO. Armando Veneto, ora assolto da tutte le infamie

    ALDO VARANO
    UNO. Avevamo tutti la stessa opinione. “Quello è un avvocato di ‘ndrangheta”. Giornalisti che facevano i corrispondenti dalla Calabria per qualche giornale importante di Roma o Milano. Inviati dei grandi quotidiani e settimanali che arrivavano qui per…
  • DIBATTITI. La Strada l'1 marzo incontro sul Ponte non praticabile

    ZoomSud
    Venerdì 1 marzo ore 16.00 incontro pubblico “Ponte non praticabile” presso aula consiglio comunale di Palazzo San Giorgio - Reggio Calabria Venerdì 1 marzo dalle ore 16.00 presso l’aula del Consiglio Comunale di Reggio Calabria, a Palazzo San Giorgio, si…
  • POLITICA. Lo stato di salute della Costituzione

    ANTONIO CANTARO
    Un chiarimento è doveroso. Perché inaugurare una Scuola di educazione alla politica in un seminario sullo Stato della Costituzione che ha tra i suoi protagonisti tre autorevoli giuristi e filosofi e tre loro recenti saggi? Innanzitutto, perché c’è più di un…
  • ARCHIVIO. Operazione Aspromonte. Psicologia della macchia*

    CORRADO ALVARO
    Sui casi di Calabria abbiamo domandato a Corrado Alvaro, scrittore calabrese che trae la sua ispirazione prevalentemente dal paese in cui nacque, questa nota sulle condizioni in cui si sono venuti a trovare i contadini e i pastori dell’Aspromonte in seguito…
  • DIBATTITI. Spazio Open: oggi Melia e Veltri e i loro libri sui sequestri di persona

    ZoomSud
    OGGI Giovedì 29 febbraio alle ore 18 presso Spazio Open in via Filippini a Reggio Calabria l’ incontro con i giornalisti Pietro Melia e Filippo Veltri e la presentazione dei loro libri inchiesta editi dalla casa editrice Città del Sole, sul tema dei sequestri…
  • La scuola e la Giornata della Memoria. Perché non accada mai più

    GUIDO LEONE*
    Ricordare perché questo non accada più. Questo è la finalità insita nella legge dello Stato n.211 del 20 luglio 2000 che riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, ”Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah…
  • UNICAL, UN ESEMPIO PER TUTTA LA CALABRIA

    FIIPPO VELTRI
    Sono anni che andiamo scrivendo che le sole due cose che davvero hanno funzionato dalle nostre parti negli ultimi decenni sono il porto di Gioia Tauro e l’Università della Calabria. I record che raggiunge lo scalo di Gioia, nonostante i tanti problemi a…
  • Epitaffio per Georges Drettas, linguista (Parigi 1945-Creteil 2023)

    GIUSEPPE TRIPODI
    Ho conosciuto Georges Drettas a Melito P.S. verso la metà degli anni Ottanta del Novecento, di estate: abitava nella casa di Maria Minicuci che faceva angolo tra via Matteotti e via Roma. Lei (profilo su Wikipedia) era allieva e collaboratrice di L.M.…
  • L'ANALISI. L'Autonomia differenziata rende ufficiale la disuguaglianza tra Nord e Sud dell'Italia

    ISAIA SALES
    Nell’aprile del 1984 fu registrato a Varese l’atto notarile con cui nasceva la Lega Autonomista Lombarda, che poi assumerà il nome di Lega nord. Il partito fondato da Umberto Bossi (e guidato oggi da Matteo Salvini) è, quindi, il più longevo tra tutti quelli…