CALABRIA. La poesia contadina orale tra amore e sdegno

CALABRIA. La poesia contadina orale tra amore e sdegno

contad

Quando si parla di poesia orale si fa riferimento quasi esclusivamente a versi per il canto che, in contesti lavorativi o festivi, servivano a canalizzare i sentimenti ambivalenti che percorrono la cultura contadina: amore, dunque, ma anche il suo opposto, declinato talvolta come «sdegno» ma talaltra addirittura come «odiu».

Applicare l'etichetta di «antifemminismo»  a questa poesia, magari partendo dai contenuti, è un mero esercizio polemico, se non altro per questioni cronologiche. Infatti il femminismo è portatore di valori diffusi e condivisi, anche fra le donne, solo a partire dalla seconda meta del Novecento mentre la poesia orale era ampiamente in declino; certo è che in essa anche le donne rispondevano per le rime e quindi occorrerebbe, specularmente, parlare anche di antimaschilismo.

Quando il contesto si è conservato, ché spesso la «voce» delle donne è andata perduta, se ne può ricavare una polifonia di lessico, di figure retoriche  e di moduli compositivi che impreziosiscono la risultante vitalità poetica.

Dalla raccolta   «D'amuri e di sdegnu» (Canti della tradizione orale calabrese raccolti da Carlo Buccisano, a cura di Paolo Martino e Santino Salerno, Reggio Calabria 2013, p. 110) prendiamo, proveniente da Melicuccà, un «botta  e risposta» fra due amanti:

 A la donna non dari tanta canna
E mancu tanu beni l'ai a voliri
La donna l'arti bolica cumanda
Milli mensogni teni a so' putiri
La donna ch'è parenti di la canna
Comu la canna faci centu giri
La donna porta l'omu a la cundanna
E l'omu pe' la donna avi a moriri

  *     *    

Fogghi di canna su li to' penzeri
'mbatula cerchi tu di scunsigghjiari
Li donni su costanti e veriteri
E vui amanti tenìteli assai cari
Quand'amanu li donni su' sinceri
Vonnu finu a la morti cuntentari
Cu ama donni ama lu so beni
Senza l'amuri non si po' campari

Qui all'invettiva maschile segue una risposta femminile continente che rovescia sull'interlocutore maschio e rozzo la causa del fallimento messo in scena.

Si prenda invece il confronto che segue, serrato e senza esclusione di colpi (ib. 116):

Figghiola t'aju 'n odiu mortali
Mancu lu nomu toi pozzu sentiri
Vorrissi mi ti viju a lu spitali
Cu na frevi maligna nt'a li rini
Ti potissi lu medicu ordinari
Cu la sputazza mia mi po' guariri
Mi staju tricent'anni a no' sputari
Cusì di pena ti farrìa muriri

Ruttu zillusu e tu chi parri  fari
Pensa quando li dici li palori
A quantu genti nc'avisti a mandari
A nuiju nci trasisti nt'a lu cori
La terra chi scarpisi parra mali
Va gridandu giustizia ca voli
Tu si pigghiatu di terra e di mari
O nigrufumu tu chi parri a fari

O, ancora, si prenda la poesia di p. 71 di D'amuri e di sdegnu ove l'uomo mette in versi un sogno di morte in cui il suo corpo e quello dell'amata sono sottoposti ad autopsia:

Cu li lanzitti e li cuteia forti
Ndi perciaru lu pettu a tia e ammia
Tutti ch'eranu jà restaru smorti
Ddui cori a mmia trovaru e nenti a tia

  *      *

E veniamo a Roccu u Jancu di Casignana prendendo in considerazione due suoi canti d'amore, con sotto (in neretto) la traduzione in lingua:

Giojùzza, lu mê cori si dispera,
volìa pammi ti vìju ‘n tutti l’uri.
Non pensu morti e non pensu galera,
pensu sulu di tia mi sû patruni.
Pensu stâ vita, ca si a vostra leva,
lu pozzu diri ca leva lu hjùri,
ca di li belli siti la bandera,
cû vui nô ppatta nô ssuli e nô lluna.

Piccola gioia, il mio cuore si dispera
E vorrebbe vederti a tutte l'ore
Non penso morte né penso galera
Penso solo di te m'impadronire
Ché se privato fossi di tua vita
La mia sarebbe un fiore reciso
Delle più belle sei tu la bandiera
Sole e luna non valgono il tuo viso

Il poeta dunque si rivolge all'amata  con un vezzeggiativo, gioiuzza, (ricorrente anche in altri versi popolari detti di spartenza, cioè di separazione: Stasira su cu ttia gioiuzza cara / domani non si sapi undi mi scura …) dichiarando il suo cuore disperato perché ad ogni ora vorrebbe contemplarla.

Lui non teme morte o galera e pensa soltanto di impadronirsi di lei: di tia mi su patruni. Ma a questa brutta parola bisogna attribuire non un significato letterale, come se lui volesse rendere schiava l'amata, ma solo un senso rassicurante e  confermativo. Si veda in proposito nella rassegna Buccisano (p. 41) dove è l'amata ad essere invitata ad impossessarsi dell'amante: Ma ora chi lu sacciu certamenti / beni ti vogghiu cchiù ca ti volia / manda li carti, manda li strumenti / mpossessatilla tu sta vita mia.

Nella parte finale abbiamo un secondo e terzo verso di natura «formulare» che, però,  fungono da «lancio» alla chiusa possente: «al vostro cospetto il sole alla luna, lungi dal poter prevalere, non possono neanche reggere il paragone».

C'è un'altra poesia di Pulitanò che, oltre il cliché del «l'amata alla finestra», non presenta particolarità stilistiche o lessicali: fanno eccezioni i due verbi «spagnari» al v. 5 (ritenuto derivato dal terrore suscitato dal dominio spagnolo in Calabria ma in realtà collegato alla voce iberica «espantar», donde anche «schiantu», terrore, e il verbo «schiantari», spaventare, declinato per lo più in forma riflessiva) e «ammucciari», v. 9, nascondersi, collegato al francese antico «mucer» che ha lo stesso significato. 

Mentri ti viju a ssa finestra stari,
ti pregu, anima mia, non ti ndi jiri:
dassami st’affritti occhi sazijari,
ma si a li brazza non ti pozzu aviri.
Magu non sugnu, no, non ti spagnari
Ca non guardandu a mia tu po’ moriri;
si peddaveru non mi voi amari
non ti jiri ammucciandu e non ridiri.

Mentre ti vedo alla finestra stare
Ti prego, anima mia, non te ne andare
Lasciami questi afflitti occhi saziare
Se nelle braccia mie tu non puoi stare
Mago non sono e non aver paura
Che con lo sguardo ti faccia morire
se per davvero non mi vuoi amare
non nasconderti affatto e non schernire.

.