Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Si è concluso il corso di formazione Erasmus+ per youth workers e trainers

REGGIO. Si è concluso il corso di formazione Erasmus+ per youth workers e trainers
Si è concluso il corso di formazione Erasmus+ per youth workers e trainers nel settore dell’impiego giovanile e dello sviluppo di competenze per il mercato dei lavoro. Il progetto, confezionato e sviluppato dall’organizzazione EuroDemos Youth Mobility NGO su fondi Erasmus+, era intitolato “Employment & Competences 4 Success – EC4S” (ndr.: in italiano, Impiego e Competenze per il successo), ed ha visto come attori 31 giovani provenienti da diversi paesi Europei (Italia, Spagna, Grecia, Croazia, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Belgio, Germania, Ungheria e Turchia).

Riuniti a Gallico, presso una nota struttura cittadina, con il supporto ed il riconoscimento della Città Metropolitana, del Comune di Montebello Jonico e di altre Associazioni giovanili del territorio reggino che hanno anche presenziato all’atto ufficiale di apertura e, successivamente, alla consegna degli attestati,  il corso di formazione Erasmus+ ha dato forma e vita a strategie di impiego per i giovani, metodologie per lo sviluppo di competenze trasversali e specifiche per l’imprenditoria, e strumenti per la crescita personale e professionale dei giovani.

Il progetto, supportato dall’Agenzia Nazionale dei Giovani, risponde a delle necessità realistiche del nostro territorio: la mancanza di lavoro, di posti, a volte di motivazione, abbracciando anche quel delicato passaggio dagli studi Universitari al mondo del lavoro. “La nostra regione è tra le più disagiate in Europa a livello occupazionale, ed i dati che ci fornisce l’Unione Europea sono per noi motivo di reazione e motivazione a fare di più, specialmente quando esistono i sogni dei giovani, che vanno fomentati e non disintegrati” – commenta Silvia Crocitta, CEO di EuroDemos – “Per noi, professionisti dell’ambito formativo e dell’educazione non-formale che lavoriamo in cooperazione con l’UE e che vogliamo di più per il futuro, il punto fondamentale è non abbattersi, e trovare una risposta congiunta assieme agli altri paesi che, come noi, soffrono di percentuali alte di disoccupazione, di internship non pagate, di mancanza di risorse di ogni tipo. Per noi, la mobilità europea è la risposta, uno stile di vita ed una via d’uscita per la nostra Regione, il nostro Paese, la nostra Unione.”

Durante il corso di formazione, trainers esperti e di rilievo internazionale hanno preso parte per dare inputs e svolgere sessioni di un certo livello che hanno garatito la qualità del contenuto, la creatività delle performances dei partecipanti e la veridicità dei dati maneggiati, oltre allo stimolo di nuove idee, di strategie, dell’ultilizzo di quelli che vengono chiamati “tools for learning” (ndr.: in italiano, strumenti per l’apprendimento). “È un’opportunità meravigliosa essere parte di un progetto di questo livello” – dice Nazareth, formatrice spagnola – “un gruppo di giovani pronti a tutto pur di trovare soluzioni, di crescere e di far sì che le cose migliorino.”

Continua Bartek, formatore polacco – “Pensare a soluzioni congiunte che siano sostenibili e tangibili, trovare risposte direttamente da giovani Europei professionisti è importante. È anche meraviglioso il modo in cui l’Organizzazione EuroDemos risponde alle esigenze dei partecipanti, l’accoglienza e la forma di darci il benvenuto. Vogliamo anche sottolineare con questo progetto la bellezza e la ricchezza del vostro territorio, e siamo fiduciosi nel suo potenziamento.”

Il tema dell’occupazione e dello sviluppo di competenze hanno assunto un ruolo così centrale in concomitanza a delle grandi priorità stabilite dallo stesso Programma Erasmus, dall’UE e dall’ANG. Di fatto, gli obiettivi del corso di formazione erano disegnati su misura sulla base di quello che è lo scenario Europeo dell’occupazione giovanile e nelle risposte alla risoluzione dei problemi ad essa connessi, unitamente allo sviluppo delle competenze.

L’Associazione EuroDemos Youth Mobility NGO conta con professionisti della mobilità europea ed internazionale, ed opera a su tutti i livelli con specializzazione nel settore giovanile. Di fatto, si è convertita da qualche mese in una organizzazione accreditata al Servizio Volontario Europeo (SVE), ed ha mosso i primi passi 4 anni fa, dpo intensi ani di network e messa in rete.

Il progetto “EC4S” ha consolidato il gran lavoro svolto dall’Associazione, la forma di lavorare senza sosta ed il grande senso di responsabilità che nasce dai giovani, e che li porta a non mollare, a non darsi per vinti ed a cooperare. Ecco l’Europa che i giovani vorrebbero.

Presente all’appuntamento anche Antonino Castorina Consigliere Metropolitano delegato alle Politiche Comunitarie ed alle Politiche Giovanili “ delle giornata importanti dove giovani provenienti da tutto il mondo hanno potuto vedere da vicino la nostra città, un progetto di inclusione e coinvolgimento che si ripete da anni e che dimostra come esistono nel nostro territorio realtà positive che offrono un immagine della nostra città Metropolitana”.