Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Si è tenuta la conversazione del professor Stranges su "Pietra Cappa tra geologia e archeologia"

REGGIO. Si è tenuta la conversazione del professor Stranges su "Pietra Cappa tra geologia e archeologia"
Davanti ad un attento e folto pubblico si è tenuta presso la Botteguccia di PietraKappa la conversazione del professor Sebastiano Stranges, avente per oggetto "Pietra Cappa tra geologia e archeologia". Il professore Stranges, appassionata e qualificata figura di studioso, ispettore archeologo onorario ed esperto naturalista, ha piacevolmente intrattenuti gli intervenuti sul sito di Pietra Cappa, il più alto monolite d'Europa che si trova nel cuore dell’Aspromonte, che accomuna la rarità naturalistica ad una ricca serie di insediamenti umani, scoperti e segnalati proprio dal professore Stranges e da altri studiosi, che testimoniano una continuità insediativa dalla Preistoria fino all’età bizantina, con importanti reperti e resti di insediamenti umani che sono stati illustrati da un ricco corredo di diapositive; grande spazio è stato poi dato alla spiegazione della unicità morfologica del sito, anche stavolta con molte bellissime immagini di uno dei luoghi più suggestivi della Calabria e d’Italia. Al termine della conversazione, il pubblico si è intrattenuto ancora con lo studioso con ulteriori domande di approfondimento. Successivamente è stato aperto un buffet di degustazione di alcuni prodotti tipici della provincia di Reggio Calabria, offerti dalla Botteguccia di PietraKappa che, con queste iniziative, vuole contribuire a diffondere la conoscenza sulle tante ricchezze del nostro territorio, coniugando promozione culturale e produttiva. Pertanto PietraKappa invita tutti i reggini ai prossimi incontri che si svolgeranno ancora nelle prossime settimane, sempre nella sede di via della Giudecca 40, a partire dal prossimo mercoledì 14 marzo alle ore 18, con il terzo appuntamento dedicato alla storia di Reggio nella toponomastica, curato dal prof. Francesco Arillotta sulla Reggio romana chiamata Rhegium Julii.