Direttore: Aldo Varano    

Istat: sommerso e illegale valgono in Italia il 13,8% dell'economia, a Sud 19%

Istat: sommerso e illegale valgono in Italia il 13,8% dell'economia, a Sud 19%

Istat: sommerso e illegale valgono 13,8% economia, a Sud 19% In Calabria sono il 20,9% del valore aggiunto, a Bolzano la metà (ANSA) - ROMA, 13 DIC - L'economia sommersa e quella illegale hanno un'incidenza molto alta nel Mezzogiorno dove raggiungono il 19% del valore aggiunto. E' quanto emerge dagli ultimi dati Istat sull'economia non osservata, relativi al 2016. Questo valore è sopra alla media nazionale (13,8%) nel Centro (14,2%) e inferiore nel Nord-est (11,9%) e nel Nord-ovest (11,4%). La Calabria è la regione in cui il peso dell'economia sommersa e illegale è massimo, con il 20,9%, un valore più che doppio di quello della Provincia autonoma di Bolzano (10,4%). L'economia non osservata in Italia è costituita soprattutto della sotto-dichiarazione dei risultati economici delle imprese (6,3%) e dall'impiego di lavoro irregolare (5,1%). L'economia illegale e le altre componenti minori (mance, fitti in nero e integrazione domanda-offerta) incidono per il restante 2,4%.