SALUTE. Esperti, in estate occhiali e integratori a difesa degli occhi

SALUTE. Esperti, in estate occhiali e integratori a difesa degli occhi

Non solo pelle, anche gli occhi vanno protetti dal sole soprattutto negli anziani che hanno un rischio maggiore di sviluppare la Degenerazione maculare legata all'età (Dmle), un disturbo che colpisce un terzo della popolazione dopo i 70 anni, in prevalenza le donne. Infatti, l'esposizione prolungata ai raggi UV, associata all'eta', rappresenta una vera minaccia per la salute della macula. Inoltre, pazienti con un occhio gia' colpito da maculopatia senile hanno un rischio aumentato di svilupparla nell'altro.

Perciò, occhiali da sole, cibi sani e integratori antiossidanti di ultima generazione devono far parte della routine quotidiana e non solo in vacanza ma anche in citta'.  

  "E' fondamentale avere un alimentazione ed uno stile di vita equilibrati ma anche proteggere gli occhi dalla luce intensa con berretti con visiera e lenti da sole", suggerisce Alfredo Pece, primario della Divisione di oculistica dell'ospedale di Melegnano e presidente della Fondazione Retina 3000. Quando la patologia è in fase iniziale, si cerca di evitare che peggiori con integratori alimentari contenenti sostanze ad azione anti-ossidante e anti-infiammatoria che agiscono proteggendo la retina e rallentando i fenomeni ossidativi, ovvero distruttivi, della macula.

"E' stato dimostrato che alcune sostanze con funzione anti-ossidante possono rallentare la progressione della Dmle fino al 25 per cento. Per questo e' importante una corretta alimentazione e l'attenzione verso sostanze con funzione anti-ossidante e protettive del tessuto oculare", prosegue Pece. Queste sostanze possono avere un ruolo anche nella retinopatia diabetica, che rappresenta la complicanza micro vascolare più comune del diabete ed e la prima causa di cecità.

"L'occhio umano e' costantemente sottoposto a una forte quota di stress ossidativo, provocato dall'esposizione alla luce solare (foto-ossidazione), con conseguente accumulo di radicali liberi e specie reattive dell'ossigeno a livello del cristallino e della retina", spiega Gianluigi Manzi, dell'UOC di Oftalmologia AORN dei Colli - Ospedale Monaldi di Napoli. Per questo e' importante assumere la giusta quantità di anti-ossidanti.