Manifestazione sindacale nazionale a Reggio Calabria, il sindaco Falcomatà: "L’Italia riparte soltanto se riparte il Mezzogiorno"

Manifestazione sindacale nazionale a Reggio Calabria, il sindaco Falcomatà: "L’Italia riparte soltanto se riparte il Mezzogiorno"

La manifestazione nazionale promossa dalla Triplice sindacale ha raccolto oltre 25mila presenze nel cuore di Reggio Calabria. 《Da Reggio - evidenzia il sindaco Giuseppe Falcomatà - oggi si alza un coro unanime: l’Italia riparte soltanto se riparte il Mezzogiorno》.

Si tratta quindi di non considerare - quasi mezzo secolo dopo la storica iniziativa congiunta del ’72 - l'evento odierno come un punto d’arrivo, bensì di partenza, chiamando le forze sociali, la politica e le altre Istituzioni alla più stretta conseguenzialità verso i giovani e verso il Sud nel suo complesso.

Come scandito a una voce sola già dai segretari nazionali di Cgil (Maurizio Landini), Cisl (Annamaria Furlan) e Uil (Carmelo Barbagallo), nel dipanarsi del corteo da Piazza de Nava e nel corso della manifestazione vera e propria in piazza Duomo, il nodo rimane, evidenzia Falcomatà, l’assoluta necessità di 《 dire sì a politiche nazionali del lavoro che premino il merito, che non costringano i giovani a scappare, che tolgano il bisogno, perché solo con l’indipendenza e la libertà si combatte e si sconfigge la ‘ndrangheta》.

Il sindaco ha infine fatto un riferimento alla scelta della triplice sindacale di svolgere la manifestazione nazionale a Reggio Calabria. 

"La nostra città si è fatta trovare pronta per questo appuntamento con la storia, dopo quasi cinquant’anni dall’ultima volta - ha aggiunto il sindaco - grazie ai sindacati della triplice per aver scelto la nostra città. Grazie alle forze dell’ordine e alla polizia municipale che hanno garantito la sicurezza e grazie ai nostri lavoratori di Castore e Avr che già in questi minuti stanno operando per restituire pulizia e decoro alla città".