MANFREDI e VELTRI sulla scomparsa di Tonino Sicoli

MANFREDI e VELTRI sulla scomparsa di Tonino Sicoli
“Tonino Sicoli non è più con noi. Era un grande amico ma e’ stato per la Calabria tutta, e non solo, un acuto, attivissimo e sublime interprete dell’arte e della storia dell’arte in tutte le sue ramificazioni.
La Calabria perde con lui un intellettuale appassionato e uno dei suoi migliori critici. Era un divulgatore nato, un giornalista da bella prosa, un uomo colto, raffinato e gentile. Da Cosenza a Rende, da Catanzaro a Reggio, a Roma molti gli devono molto; tante istituzioni pubbliche hanno avuto in lui un punto di riferimento. Con Tonino si può dire che avevamo iniziato insieme. 45 anni fa aveva cominciato la sua attivita’ pubblicistica sul quindicinale ‘questaCalabria’. L’aveva introdotto Nicola Siciliani de Cumis ed entrato nella nostra redazione e aveva poi proseguito la sua attività giornalistica su quotidiani nazionali e regionali e su prestigiose pubblicazioni. Organizzatore di musei e mostre, saggista e studioso: noi oggi piangiamo coi suoi cari il vero amico dei giorni piu’ belli”.
GIANFRANCO MANFREDI
FILIPPO VELTRI