Direttore: Aldo Varano    

Lettera aperta di parlamentari M5S al Consiglio della Calabria: modificare legge elettorale e cancellare primarie pacco

Lettera aperta di parlamentari M5S al Consiglio della Calabria: modificare legge elettorale e cancellare primarie pacco
ReP
 

Signor presidente del Consiglio regionale della Calabria, signori consiglieri,

il dipartimento governativo degli Affari regionali vi ha invitato a rivedere la legge elettorale approvata lo scorso 3 giugno.
Riguardo a questa legge, voi non avete mai risposto ai nostri ripetuti appelli al buon senso, alla condivisione, al pluralismo, al rispetto della Costituzione e della democrazia, che avete saltato scrivendo in fretta e solitudine le regole per il rinnovo degli organi elettivi della Regione.
Il presidente sostitutivo della giunta regionale ha dichiarato alla stampa di voler procedere con le primarie “lampo”; di cui nessuno sa, che ai calabresi costeranno oltre 2 milioni di euro e che saranno, se entro il 4 luglio non prevale una visione pubblica del potere, mera ratifica di accordi di partito.
Chiediamo quale sarà il risultato di una tale ostinazione a oltranza? Che cosa si pensa di ottenere, ignorando le altre voci della politica e, soprattutto, il disappunto popolare che cresce ogni giorno negli spazi aperti della rete?
La legge elettorale da regime, le primarie autoreferenziali e il ripudio del confronto produrranno altri malcontento, fastidio, sfiducia. Inoltre, faranno perdere la speranza nel futuro della Calabria, che è fondamentale per fermare l’emigrazione; specie dei più giovani.
Ci sono precise priorità in Calabria: lotta alla ‘ndrangheta, sanità, ambiente, trasporti e lavoro, per garantire il quale è essenziale rompere quei rapporti di potere insalubre che hanno caratterizzato larga parte della storia politica calabrese.
Perciò, date segnali concreti, dimostrando di guardare al futuro collettivo senza barriere, ostilità e trucchi. In sintesi, avete tre possibilità: 1) cancellare subito le attuali primarie fittizie e modificare entro il 10 luglio – data in cui il Consiglio dei Ministri delibererà l’impugnativa – la legge elettorale abbassando lo sbarramento, levando il consigliere supplente e tornando ai collegi provinciali; 2) fingere che con l’impugnativa del governo non esisteranno problemi, una volta insediato il nuovo presidente e Consiglio regionale; 3) temporeggiare, dunque rinviare alle prossime intese, agli inciuci di vertice che sembreranno più redditizi alla bisogna.
Gli scritti rimangono. Noi non possiamo rimproverarci di non aver dato il nostro contributo alla salvaguardia della democrazia in Calabria, indispensabile per rispondere alle riferite priorità del territorio.