Direttore: Aldo Varano    

CZ. Documento segretari di circolo e gruppo consiliare sul Psc di Catanzaro

CZ. Documento segretari di circolo e gruppo consiliare sul Psc di Catanzaro
ReP
 

A seguito del confronto intrapreso nei giorni scorsi con successive riunioni, i segretari di circolo del Partito democratico di Catanzaro e il gruppo consiliare comunale, alla presenza del segretario provinciale Enzo Bruno, si sono incontrati nuovamente, mercoledì pomeriggio, per definire il documento da presentare ad integrazione del Piano strutturale comunale redatto dagli uffici competenti.

Alla luce dell’importante dibattito in corso nella città sul suo sviluppo urbanistico che ha visto la calendarizzazione nella prossima seduta di consiglio comunale della proposta di delibera per l’approvazione delle linee guida sul Piano Strutturale Comunale della città di Catanzaro, il Partito Democratico della città ha sentito la necessità di ribadire le proprie posizioni politiche e di pianificazione del territorio attraverso il seguente documento: “Rigenerare la città attraverso la ricostruzione dell’identità e socialità urbana”. L’iter procedurale che dovrebbe portare all’approvazione delle Linee Guida sul P.S.C. ha visto il suo avvio alcuni mesi addietro per mezzo di un documento dell’amministrazione comunale di Catanzaro che porta il titolo “Ridisegnare la Città”. Ne è seguito un importante lavoro di approfondimento. Le figure istituzionali deputate, del partito democratico, ne hanno portato una sintesi in commissione urbanistica ad emendare appunto la prima stesura delle Linee Guida dell’importante strumento urbanistico. L’amministrazione comunale ha così provveduto alla redazione di una seconda versione del documento che è parte integrante della proposta di delibera in consiglio comunale prossimo venturo, che se pur ha accolto molte delle indicazioni poste dal Partito Democratico, in Commissione Urbanistica, e se pur in parte condivisibile, presenta nella sua stesura definitiva e completa molte incongruenze e contraddizioni. Crediamo quindi importante, attraverso la redazione di questo documento, ribadire con forza e rinnovata consapevolezza alcuni punti imprescindibili per una pianificazione corretta ed illuminata, senza più lasciare spazio alle improvvisazione ed ai danni causati "dalla cattiva gestione urbanistica e sopratutto dalla politica che finora è stata poco attenta al destino del proprio territorio e quindi della qualità della vita urbana e sociale della nostra comunità .”