Direttore: Aldo Varano    

NDR. Ms Nunnari: dispiace che i preti non abbiano avuto il coraggio di scappare dalla processione

NDR. Ms Nunnari: dispiace che i preti non abbiano avuto il coraggio di scappare dalla processione
Il biasimo per i sacerdoti presenti ed un avvertimento per il futuro. Non usa giri di parole il presidente dei Vescovi dellaCalabria mons. Salvatore Nunnari, arcivescovo di Cosenza, per commentare quanto e' avvenuto a Oppido Mamertina, dove la processione della Madonna delle Grazie della frazione Tresilico si e' fermata davanti all'abitazione del boss della 'ndrangheta Peppe Mazzagatti, 82 anni, condannato all'ergastolo ed ai domiciliari per motivi di salute. "Dispiace - dice all'ANSA il presule - che i preti non abbiano avuto il coraggio non di andare via ma di scappare dalla processione". Un gesto, spiega, che sarebbe equivalso ad un segnale, uno di quelli di cui "abbiamo bisogno". Ma mons. Nunnari si spinge oltre, arrivando a dire che in certe occasioni "bisogna avere il coraggio di fermare le processioni" dal momento che puo' capitare che "sotto la vara ci sia il mafioso di turno che poi fa il capo". E mettendosi nei panni del vescovo di Oppido Mamertina-Palmi, mons. Francesco Milito, Nunnari aggiunge che se fosse lui vescovo di quella citta' "per un po' di anni non ne farei e credo che sarebbe cosa gradita alla Madonna". Per l'arcivescovo di Cosenza e' inconcepibile che ancora oggi si permetta che si svolgano processioni "dove la Santa Patrona e' degli altri", lasciando che in queste manifestazioni prevalga l'"anarchia religiosa" dei portatori che "non si sentono dipendenti da alcuna gerarchia e sentono di avere un rapporto loro personale con il Padreterno, la Madonna e con i santi".