Direttore: Aldo Varano    

TORTORA (CS). Gruppo Politico Tortora nel Cuore: l'amministrazione delle bugie

TORTORA (CS). Gruppo Politico Tortora nel Cuore: l'amministrazione delle bugie
ReP
 

Tortora, l’amministrazione delle tasse e delle bugie.

Continua inarrestabile l’aumento delle tasse a carico dei cittadini tortoresi,
tante chiacchiere ed inesattezze, pochi fatti concreti a favore della cittadinanza.

Servendosi di artifizi si continua a raggirare la collettività e nonostante l’avanzo di amministrazione di circa 1 milione di euro dello scorso anno, spunta l’ennesimo balzello: la Tasi.

Questa nuova tassa che poteva essere deliberata ad aliquota zero, il comune di Tortora l’ha stabilita nella misura del 2,5 per mille a carico delle unità immobiliari.

Da un bilancio di previsione 2014 assolutamente anonimo e ripetitivo privo, come gli anni precedenti, di qualsiasi progetto di sviluppo del territorio, sono riscontrabili solo gli aumenti di tassazione.
Totale silenzio, tranne qualche rara eccezione, di assessori e consiglieri delegati incuranti di voler illustrare o rendicontare la loro attività, che sappiamo del tutto inesistente e solo dedita all’occupazione della famigerata poltrona.

Il Comune di Tortora con l’attuale amministrazione continua senza scrupoli a mettere le mani nelle tasche dei cittadini ed infatti la Tari, nuova tassa per la raccolta e smaltimento dei rifiuti è un altro salasso nonostante i buoni risultati ottenuti con la raccolta differenziata che vede tutti i cittadini responsabilmente impegnati in prima fila ad attuarla correttamente.

Ma a tale scrupolosa e precisa attenzione a differenziare da parte delle famiglie, non corrisponde altrettanta cura ed impegno da parte dell’amministrazione per far risparmiare il costo della stessa specialmente a carico degli esercenti le varie attività sul territorio.

Ma dove finiscono tutti questi soldi che vengono risparmiati con la raccolta differenziata ?

In tanti rivoli e contributi vari e per elargire contentini a destra ed a manca pur di tener buoni e zittire.

Di progetti seri per il rilancio dell’economia locale non se ne è mai parlato e si continua a non parlarne, pura e semplice gestione ordinaria per la quale non servono politici ma solo dirigenti ed impiegati che nel comune già ci sono.

Tra ex Tarsu, Tares, Tari, Tasi, Imu e Iuc le attività sono completamente tartassate senza alcuna possibilità di avere benefici per una attesa stagione turistica come sempre ben lontana da una seria programmazione e nelle mani dell’improvvisazione più totale con il territorio che viene assalito da abusivi di ogni tipo.

E bisogna essere davvero sfacciati per sostenere che a Tortora si riducono le Tasse, considerato che prima le aumentano del 100, 200 e 300 per cento e poi solo a qualcuno le riducono del 30 o 50 per cento. È un evidente inganno a tutto vantaggio dello spreco e delle facili ed elargizioni.
Non solo tartassati ma anche gabbati, abbiate almeno un poco di decenza e rispetto dei cittadini

Il Centro Storico langue nell’abbandono, le Località Montane sempre più isolate nelle pur invidiate bellezze, la Marina sempre più dormitorio senza sviluppo.

Rimane solo qualche buona intenzione che però andava realizzata negli anni precedenti e non a poche mesi dalla fine della legislatura.

Come già opportunamente affermato, questi esperti amministratori pensavano di poter fermare il tempo e continuare a dormire tranquillamente sulle spalle dei cittadini.

SVEGLIATEVI, il periodo delle buone intenzioni è passato, avete avuto quasi 5 anni, il tempo è ormai scaduto e vi ha già travolto.

Buona estate a tutti anche se con questi chiari di luna non sarà certo facile.

Gruppo Politico Tortora nel Cuore