Direttore: Aldo Varano    

CARIATI (CS). Carenza idrica, Sero: la Sorical gioca alla scarica barile

CARIATI (CS). Carenza idrica, Sero: la Sorical gioca alla scarica barile
ReP
 

Carenza idrica nel centro storico, ripristinare gli originari quantitativi di erogazione a 12 litri al secondo. Vista l’impossibilità economica di ricercare nuove fonti di approvvigionamento, resta, al momento, l’unica soluzione.

È quanto dichiara il Sindaco Filippo SERO in merito al ripetuto disagio vissuto in questi giorni dai cittadini di Cariati.

Non è per reiterare l’antico vizio dello “scarica barile” – dice SERO - ma nelle affermazioni della Sorical come riportate dalla stampa, per chi voglia intenderle con obiettività, c’è la soluzione del preteso “enigma”. A quanto riferisce l’Ufficio, da due anni la SORICAL, di sua iniziativa e non già su richiesta del Comune, ha ridotto l’erogazione dell’acqua dagli originari 12 litri al secondo a 8,65 litri al secondo. Peraltro, di fatto, al di là di quanto sostiene la SORICAL, la quantità d’acqua erogata è quasi sempre inferiore a quella dichiarata. In proposito basti riandare soltanto all’ultimo controllo effettuato alla presenza dell’addetto comunale nello scorso mese di luglio, quando sono stati misurati 7 litri al secondo in luogo dei suddetti 8,65 al secondo.

È vero che il Comune – aggiunge il Primo Cittadino - a seguito delle opere realizzate da questa Amministrazione nel 2008/2009 a soluzione di un problema atavico di carenza idrica del Centro Storico, oggi riesce a captare acqua dai pozzi del Petraro e, per quanto riferisce l’addetto, a convogliarne 10,42 litri al secondo a Cariati Centro; ma questo non è sufficiente ad integrare la quantità necessaria al fabbisogno idrico del borgo storico in quanto, riferisce l’Ufficio, le quantità insufficienti erogate dalla Sorical impediscono il riempimento del serbatoio di sua competenza e, conseguentemente, il raggiungimento della quota piezometrica necessaria ad ottenere un’adeguata pressione nell’impianto, cosicché l’acqua arriva nelle case con poca pressione e, in alcuni casi, soltanto per qualche ora al giorno con ovvii disagi soprattutto per coloro che non dispongono dell’autoclave. Tale carenza, peraltro, si verifica anche in alcune zone di Cariati Marina giacché, per un verso, la condotta che serve il Centro storico in realtà si estende a Via Carrera, Via 49° Fanteria, rione Scoglio, Santa Maria delle Grazie, Piazza dei 500 e Via S. Giovanni, per altro verso, l’insufficienza della pressione in condotta obbliga a manovre che coinvolgono anche la restante parte della rete idrica comunale. Quindi, il problema, nel medio termine, è risolvibile soltanto attraverso nuove opere di ricerca di fonti di approvvigionamento e captazione delle stesse. Ciò richiede l’impiego di risorse al momento notoriamente non disponibili nelle casse comunali ma che potrebbero, con estreme difficoltà, reperirsi nei mesi a venire. Nell’immediatezza, invece, al di là di sterili polemiche, l’unica soluzione possibile sta nel ripristino da parte della SORICAL delle quantità precedentemente erogate (12 litri al secondo). In questo senso – conclude SERO - chiediamo che si agisca con coscienza e con ogni possibile urgenza. Intanto i cittadini che dovessero essere interessati dai disagi suddetti possono rivolgersi agli addetti al servizio, in modo che gli stessi, nelle condizioni date, possano intervenire con ogni tempestività. - (Fonte: MONTESANTO SAS – Comunicazione & Lobbying).