Direttore: Aldo Varano    

RC. Giuseppe Falcomatà incontra i residenti di Aretina. Inaugurazione segreteria

RC. Giuseppe Falcomatà incontra i residenti di Aretina. Inaugurazione segreteria
ReP
 

Proseguono gli incontri di Giuseppe Falcomatà, candidato Sindaco del centrosinistra, in giro per la città e le periferie.
Ieri pomeriggio ha incontrato i residenti di Contrada Gurnale, situata ad Aretina. Molti i disagi in questa zona della periferia che i cittadini hanno lamentato: manca l’acqua corrente per alcuni giorni di fila, non ci sono le fognature, ma il problema maggiore è la strada che porta in questa zona. Due anni fa, in seguito alle abbondanti piogge, una frana ha portato via parte della strada, provocando la riduzione delle corsie al punto che passa a stento una macchina. A causa di ciò, lo scuolabus si è rifiutato, lo scorso inverno, di svolgere il servizio in quanto la strada è pericolante e rischiosa. Ma non basta. È difficoltoso raggiungere questa zona anche per i mezzi della nettezza urbana, ciò causa un accumulo inverosimile di spazzatura ai bordi della strada, già stretta. Inoltre, manca completamente l’illuminazione.
A detta dei cittadini, numerose segnalazioni sono state fatte al Comune, che per un periodo ha chiuso anche la strada con delle transenne. Ma chiudere una strada di questo tipo, provoca numerosi disagi in quanto è la più breve per giungere ad Aretina. I soldi stanziati ci sono, i progetti anche, le carte d’esproprio dei terreni per consentire il nuovo allargamento della strada sono pronte, ma i lavori non hanno mai inizio. Bisogna considerare che l’attuale strada risale a 30 anni fa ed è stata realizzata con il contributo delle famiglie che vivono nella zona.
Dopo aver ascoltato le esigenze, Giuseppe Falcomatà ha spiegato che è necessario operare per la prevenzione del dissesto idrogeologico e successivamente si può fare la strada. «Girando per la città e le periferie, -ha dichiarato Giuseppe Falcomatà- quello che chiedono tutti è un ritorno alla normalità, noi diciamo che siamo all’anno zero, per poter ripartire. Quello che voi chiedete sono servizi pubblici essenziali, non si tratta di fare promesse, ma di fare cose che un Comune è giusto che faccia senza che questi servizi vengano nemmeno richiesti, sono vostri diritti che vanno garantiti. Il nostro impegno è di cercare di capire in Comune qual è lo stato delle cose per rendere agibile la strada prima dell’arrivo della stagione invernale che porterà pioggia e quindi ulteriori possibili frane».