Direttore: Aldo Varano    

CAL Oliverio (Pd): rispondere con rigore a De Raho: chiederò commissione garanti per controllo legalità su liste

CAL Oliverio (Pd): rispondere con rigore a De Raho: chiederò commissione garanti per controllo legalità su liste

 

''Le dichiarazioni del Procuratore Cafiero De Raho nell'audizione svolta ieri alla Commissione antimafia non possono lasciare indifferenti le forze politiche ed i soggetti che ritengono di doversi impegnare in Calabria nella prossima competizione elettorale''. Lo afferma, in una dichiarazione, Mario Oliverio, candidato alle primarie del centrosinistra per la presidenza della Regione. ''E' necessario il massimo rigore - aggiunge - nella preparazione delle liste e nelle relazioni che si stabiliscono per la formazione del consenso elettorale. Il rispetto della legalita', la pulizia ed il rigore morale nei ruoli di rappresentanza e nell'esercizio delle funzioni pubbliche sono una condizione necessaria ed imprescindibile per il riscatto civile e democratico, ma anche per la realizzazione di obiettivi di crescita economica e sociale nella nostra regione. La legalita' e la trasparenza devono rappresentare, anche in Calabria, un fatto normale nel governo delle istituzioni, nella pubblica amministrazione e nella gestione delle risorse. Affermare la cultura e la pratica dei diritti e delle regole per sconfiggere la cultura e la pratica della discrezionalità e' possibile se le rappresentanze istituzionali sono realmente libere da condizionamenti, da inquinamenti, da connivenze e/o contiguità con la criminalità organizzata e con i fenomeni degenerativi che hanno segnato non poco la vita della nostra regione. La formazione delle liste costituisce, pertanto, un passaggio importante e decisivo per operare la necessaria bonifica ed affermare la legalita'''.

'Per questo, oltre alla necessaria vigilanza, coerenza ed assunzione di responsabilita' politica da parte dei candidati alla guida delle Istituzioni, dei partiti e dei movimenti che li sostengono - dice ancora Oliverio - chiedero' alla coalizione che sosterra' la mia candidatura alla Presidenza della Regione di sottoporre le liste all'esame di un organismo di garanzia formato da personalita' di riconosciuta e specchiata moralita' ed autorevolezza, che dovra' compiere un'attenta valutazione nel rispetto del Codice etico a cui il centrosinistra dovra' fare costante riferimento per la scelta dei candidati''. ''La politica deve assumere, quindi - conclude il candidato alle primarie - un ruolo attivo e da protagonista nel necessario processo di ricostruzione morale e civile della nostra regione. Un impegno che deve essere parte costitutiva del progetto di riscatto e di cambiamento della nostra terra che, per essere portato avanti, ha bisogno del sostegno attivo e della fiducia di tutte le forze sane della nostra realta'''.