Direttore: Aldo Varano    

ROSSANO (CS). Un brand unico da mettere in rete

ROSSANO (CS). Un brand unico da mettere in rete
ReP
 

l nostro territorio ha tutte le carte in regola per continuare a percorrere quel cammino di promozione delle politiche per la qualificazione e l’incremento del sistema turistico e del marketing territoriale. Bisogna crederci e lavorare tutti insieme, in maniera costruttiva. Puntando innanzitutto sui nostri patrimoni e sulle nostre peculiarità, che, di certo, non sono solo costituite dal mare e dai bei paesaggi. Di questi, obiettivamente, nella nostra bella Italia ce ne sono un’infinità, e sicuramente molto più facilmente raggiungibili! È il Codex Purpureus Rossanensis il nostro tesoro più grande. Insieme a tutti gli altri numerosi monumenti, che rendono il nostro Centro storico un vero e proprio museo a cielo aperto, deve rappresentare il vero ed unico volano per la crescita turistica di quest’area vasta della Calabria.

È quanto dichiara Lorenzo Antonelli, vicepresidente del consiglio comunale e comproprietario del Gypsy Beach and Restaurant, uno dei locali di più antica tradizione, presenti sul litorale rossanese, nonché promotore dell’Istituzione di un forum permanente per la valorizzazione del brand di Rossano Città del Codex, che lo scorso 5 settembre ha promosso il primo confronto-dibattito sul tema “Rossano custode di patrimoni universali: il 2015 sia l’Anno del Codex”, tra Istituzioni, Chiesa e Imprenditori.

I dati delle presenze turistiche nel nostro territorio – dichiara Antonelli - come purtroppo per molte altre realtà limitrofe, a parte qualche realtà felice, non sono entusiasmanti, sia per le condizioni meteorologiche che hanno contraddistinto l’estate 2014, che per una stagione già resa difficile dalla crisi e dalla concorrenza di altre aree turistiche probabilmente più appetibili della nostra, perché più facilmente raggiungibili. Non possiamo più perdere tempo! Se vogliamo davvero incrementare il turismo e raddoppiare i numeri delle presenze dobbiamo investire ogni nostra energia e risorsa nel più prezioso patrimonio che possediamo, il Codex Purpureus Rossanensis. E se accanto a questo si aggiungono anche le altre attrazioni storiche, culturali ed enogastronomiche, già valorizzate da una programmazione socio-culturale comunale di valore e ampio respiro, credo che il mix degli elementi possa essere realmente competitivo. Ecco perché il forum permanente può offrire straordinarie prospettive turistiche! Il 2015 Anno del Codex è un’idea che ha trovato consensi unanimi e che diverrà realtà. Pertanto, ringrazio l’Amministrazione comunale e il sindaco Giuseppe Antoniotti, che hanno subito accolto con entusiasmo questa proposta. Ora, però, è necessario passare alla fase esecutiva ed organizzativa. L’ingresso del nuovo Arcivescovo di Rossano-Cariati Mons. Giuseppe Satriano, in programma per la prossima Domenica 26 Ottobre 2014, aprirà un nuovo momento di dialogo con la Chiesa, al quale seguirà la fase operativa, demandata al Sindaco, che organizzerà i gruppi di lavoro istituzionale. I quali si confronteranno con la Diocesi e con l’imprenditoria per pianificare insieme le iniziative necessarie, da intraprendere per il rilancio del brand del Codex e, più in generale, del patrimonio religioso e culturale, custodito nella nostra Città.

Servono proposte concrete - ribadiscono in conclusione Antonio Murano e Natale De Santis, storici soci del Gypsy ed imprenditori che hanno fatto del turismo la propria missione – per dare vigore all’economia del territorio, ad alta vocazione turistica. Sarebbe opportuno organizzare in modo sistematico trasporti dedicati ai turisti balneari per visitare le eccellenze dell’entroterra, con l’intento di creare così valide alternative per i giorni di maltempo. Così come sarebbe costruttivo fare rete nella programmazione degli eventi territoriali coordinando in modo univoco la promozione turistica, a prescindere dai singoli Comuni, dalle singole realtà, in modo da ridurre i costi e aumentare l’efficacia del messaggio. © Fonte CMP AGENCY ROSSANO