Direttore: Aldo Varano    

RC. Movimento Reggini Indignati sostiene gli operai multiservizi

RC. Movimento Reggini Indignati sostiene gli operai multiservizi
ReP
 

Il Movimento Reggini Indignati,nella piena condivisione delle ragioni portate avanti dagli ex dipendenti MULTISERVIZI,ha desiderato far sentire la sua vicinanza e il suo impegno unendosi coralmente dinanzi alla trasmissione Quinta Colanna,in diretta ieri sera su rete quattro.La trasmissione avrebbe dovuto parlare da Reggio Calabria di lavoro e precariato,ma in seguito, per un cambio di scaletta, si è affrontato nella diretta reggina il tema dell'assenteismo dei dipendenti pubblici.In questa deviazione di tematica,non si è più conferito quel maggiore spazio dovuto anche agli operai della MULTISERVIZI presenti e chiamati in causa come esempio concreto di un sud sedotto e abbandonato;rimasti comunque in prima fila per far sentire la loro presenza,avrebbero avuto in ogni caso molto da raccontare poiché restava ad ogni modo validissimo un raffronto: essere assenti sul posto di lavoro a discapito di cittadini che si trovano attualmente allo sbaraglio mediante uno strumento di paragone di due realtà che ad oggi convivono un pò ovunque.Pochissimo è stato detto,spazi troppo ristretti e posti nell' intento di far cadere spesso il dibattito nella provocazione.Il discorso assenteismo (affrontato e condannato in particolare da chi rappresenta i vertici di una struttura che detiene il maggior numero di assenze accaparrandosi stipendi elevatissimi versati da tutti i contribuenti italiani,ossia i Parlamentari),sono lo schiaffo morale verso tutti i cittadini che vivono difficoltà lavorative,e in particolare,uno schiaffo per i presenti,venuti col solo intento di raccontare un loro stato attuale senza poterlo nemmeno dire...avevano un grandissimo striscione fatto dalle loro magliette da operai con su scritto"vittime di mafia e di governo,ora basta!".Neanche si è carpito quel messaggio,poiché, quando si dovrebbe dar voce a certi problemi,si preferisce spesso discutere ed innescare battibecchi secondari in tempi troppo limitati e volti ad interventi esclusivamente fin troppo mirati!Resta la delusione per questa diretta che ha visto tra l'altro,come evidenziato,
un cambio scaletta;maggiore invece lo sdegno degli ex dipendenti presenti,che non hanno avuto modo di poter denunciare se non sentirsi dire:"abbiamo già parlato di MULTISERVIZI!".Noi crediamo che sia arrivato il momento di dire basta a tutto questo,Reggio Calabria non è solo mafia,non è solo il Sud cattivo che purtroppo ad oggi è raccontato e se il Comune è stato sciolto non è di certo a causa dei disoccupati che ancora oggi pagano le conseguenze di essersi visti privare di una loro certezza e della loro dignità.Reggio ha gente preparata ma anche tanto amareggiata che sta preferendo far le proprie valigie per ricostruirsi un futuro attualmente fin troppo incerto quì.Vogliamo evidenziare la gravità nel quale versano le famiglie tutte,perché togliere il lavoro ad una persona,significa togliere anche la dignità!Noi desideriamo denunciare tutto ciò,perché non può essere più soltanto un discorso raccontato,perché disoccupazione,precariato,cassaintegrazione sono i margini incerti di una vita in parte irrealizzata nel quale il cittadino deve fare ogni giorno i conti sulla propria pelle!Oggi più che mai siamo vicini agli ex dipendenti MULTISERVIZI,cittadini che vivono sorti naufragate e ancora ad oggi incerte;oggi più che mai siamo vicini ai cittadini tutti!


Francesco Arnoldo MRI