Direttore: Aldo Varano    

RC. Ennio Morrone: elezioni provinciali e superamento tensioni

RC. Ennio Morrone: elezioni provinciali e superamento tensioni
ReP
 

“Il prossimo 12 ottobre un importante appuntamento elettorale attende gli amministratori della nostra provincia e dunque il futuro stesso di un territorio assai vasto, ed al contempo cruciale, per l’intera regione”.
Così il Presidente dei consiglieri regionali azzurri a Palazzo Campanella On Ennio Morrone.
“Il quadro venutosi a delineare al termine della presentazione delle liste -dice Morrone- è composito e vede fronteggiarsi, per ciò che concerne la mia parte politica, due personalità di indubbio spessore: il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto di cui appoggio la candidatura ed il primo cittadino di Rende Marcello Manna. Tuttavia, mi auguro che, la duplice proposta del centrodestra, supportata da una lodevole componente civica, non comporti dolorose divisioni della coalizione cui appartengo.
Coltivo infatti la speranza che possa esserci un superamento di tutti i contrasti venutisi a creare ed invito gli amici protagonisti delle incomprensioni di questi giorni ad abbassarne i toni. D’altra parte, sullo sfondo, rimane la progettualità di un’area urbana ‘in fieri’ che, per la prima volta dopo lungo tempo, aveva ricominciato a parlarsi e ragionare insieme.
Certo -continua Ennio Morrone- la situazione si poteva e doveva evitare prima, nelle fasi di concertazione, quando andavano cioè individuate le maggiori convergenze possibili. Ora, però, non resta che guardare con fattivo ottimismo a quanto si possa ancora costruire insieme.
Anche perché, sebbene la riforma configuri il prossimo test elettorale quale elezione di secondo livello, l’appuntamento si rivela essere cartina di tornasole in vista del rinnovo del consiglio regionale del 23 novembre, dove non ci sarà spazio per contrapposizioni se il centrodestra vorrà proporre ai calabresi un progetto concreto, coeso e vincente.
Il mio -conclude l’On Morrone- vuole pertanto essere un incitamento per lavorare insieme a progetti comuni, travalicando quelle situazioni che hanno potuto dividerci, in modo da affrontare le problematiche della gente ed emergenze quali quelle relative al mondo lavoro, ai precari della sanità, ai giovani e al loro futuro, all’ambiente. Stemperiamo allora le frizioni e occupiamoci di questioni e di soluzioni che incontrino le reali esigenze dei calabresi”.