Direttore: Aldo Varano    

S FERDINANDO (Rc). Domani inizia lo sgombero della baraccopoli

S FERDINANDO (Rc). Domani inizia lo sgombero della baraccopoli
Inizieranno domani le operazioni di sgombero e rimozione delle baracche fatiscenti costruite nel tempo a ridosso della tendopoli di San Ferdinando dove vivono gli immigrati impegnati nel lavoro nei campi nella piana di Gioia Tauro. Contestualmente iniziera' la bonifica dell'area.
 
Nel corso della riunione tecnica di coordinamento il Prefetto ha ''ribadito l'esigenza che gli Enti competenti attuino politiche attive di accoglienza ed integrazione per favorire la fuoriuscita dalla attuale condizione di precarieta' che caratterizza la tendopoli''. In tale direzione, nei mesi scorsi, in Prefettura, e' stato costituito un gruppo di lavoro, composto dai rappresentanti dei Comuni interessati, della Diocesi di Oppido Mamertina, delle forze dell'ordine e delle Associazioni di volontariato, che ha effettuato una ricognizione degli interventi messi in atto negli anni per la soluzione della problematica e ha costantemente sensibilizzato gli Enti locali al reperimento di idonee strutture per l'accoglienza.
 
Il Prefetto, anche in considerazione dell'approssimarsi della campagna di raccolta degli agrumi e della persistenza nella tendopoli di San Ferdinando di precarie condizioni igienico - sanitarie, ha individuato un percorso scandito in due momenti che e' stato condiviso dai presenti. La prima fase prevede l'immediato smantellamento delle baracche e delle tende non occupate, la rimozione dei rifiuti e la bonifica dell'area a cura dei Comuni interessati in collaborazione con le associazioni di volontariato ed il concorso delle forze dell'ordine e dei Vigili del fuoco. La Regione ha assicurato un contributo di 100 mila euro che ''consentira' di assicurare oltre ai necessari servizi essenziali, quali la somministrazione di acqua potabile e di energia elettrica, la revisione dell'impianto elettrico dell'attendamento, la rimozione dei rifiuti e la bonifica dell'area, l'affidamento della tendopoli ad una associazione di volontariato con compiti di assistenza e vigilanza degli immigrati, l'acquisto di container da adibire a luoghi di culto e a centro di aggregazione sociale''.
 
L'Azienda sanitaria espletera' una mirata campagna di prevenzione e di profilassi a favore degli immigrati, allo scopo di tenere sotto controllo ogni potenziale focolaio di malattie. infettive. E' stata proposta una seconda fase per favorire una sistemazione alloggiativa meno precaria che, gia' anticipata nel corso della riunione, verra' riproposta subito dopo le prossime elezioni alla Regione al fine di agevolare l'inserimento degli immigrati nel contesto urbano dei rispettivi territori e favorirne l'integrazione e l'inclusione sociale.