Direttore: Aldo Varano    

MESSINA. Un pomeriggio in ricordo di un Maestro che amò la Sicilia: Antonio Piromalli

MESSINA. Un pomeriggio in ricordo di un Maestro che amò la Sicilia: Antonio Piromalli
ReP

L’Accademia Peloritana dei Pericolanti di Messina, il Centro Internazionale Scrittori della Calabria, il Fondo Antonio Piromalli (Roma) e l’Università di Messina, nella ricorrenza del dodicesimo anniversario della scomparsa del Prof. Antonio Piromalli, Martedì 9 giugno 2015, alle ore 17.00, nella Sala dell’Accademia Peloritana dei Pericolanti, Palazzo Università, Rettorato, Piazza Pugliatti, 2 – Messina, promuoveranno il convegno “Un pomeriggio in ricordo di un Maestro che amò la Sicilia: Antonio Piromalli”, al fine di onorarne la memoria e di mantenere vivo il ricordo di storico e critico letterario, raffinato italianista, profondo indagatore delle letterature regionali e dialettali, poeta e scrittore, direttore di riviste letterarie. Dopo i saluti del Prof. Girolamo Cotroneo, Emerito dell’Università di Messina e Direttore della Classe di Lettere, Filosofia e della BB.AA, dell’Accademia Peloritana dei Pericolanti, del Prof. Mario Bolognari, Direttore del Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne, dell’Università di Messina, della Dott.ssa Loreley Rosita Borruto, Presidente del Cis della Calabria, relazioneranno: Prof. Giuseppe Rando, Ordinario di Letteratura Italiana dell’Università di Messina che parlerà di “Piromalli poeta dall’analogia alla profezia”; Prof. Antonino Zumbo, Ordinario di Filologia Classica e Prorettore Università per Stranieri “D. Alighieri” di Reggio Calabria che parlerà di “Antonio Piromalli e Messina”; Prof. Paola Radici Colace, Ordinario di Filologia Classica dell’Università di Messina, Presidente Onorario del Cis della Calabria che tratterà su “Le pagine siciliane di Antonio Piromalli”. Sarà presente il figlio Dott. Arch. Lanfranco Piromalli. Il prof. Antonio Piromalli è stato docente di Letteratura Italiana nelle Università di Urbino, Bologna, Salerno, Cassino. Famosi i suoi libri: La letteratura Calabrese in due volumi; Letteratura e Cultura popolare; Saggi critici di Storia Letteraria; monografie su Fogazzaro, Corazzini, Gozzano, Seminara, Deledda, Padula, Ariosto, Michelstaedter, Pierro, Calogero, Gioacchino Da Fiore e Dante; “Società, cultura e letteratura in Emilia Romagna”; “La Storia della cultura a Rimini nell’Ottocento”; le raccolte poetiche: “Sei tu il bolero” e “Ti estraggo dai tifoni”, “La ragazza di Ferrara”, “Da un’altra stanza” e numerose altre pubblicazioni. Antonio Piromalli appartiene a quella generazione di Maestri di critica letteraria (Desanctis, Russo, Sapegno, Trombatore, Petronio, Salinari) che hanno ridato funzione civile agli studi di italianistica.