Direttore: Aldo Varano    

CATANZARO. Domani al Marca presentazione della mostra di Chiara Dynys "Pane al mondo"

CATANZARO. Domani al Marca presentazione della mostra di Chiara Dynys "Pane al mondo"
 

 

     

 Sarà inaugurata giovedì 9 luglio alle ore 18 la mostra di Chiara Dynys “Pane al mondo”, una mostra che affronta i temi di Expo. Oltre cinquanta opere per celebrare il pane, scelto come alimento per antonomasia, e la sostenibilità ambientale. Contro lo spettro dell’inquinamento.  

Un omaggio al pane, eletto ad alimento per antonomasia e simbolo stesso del concetto di cibo. E un invito a difendere la biodiversità e quella sostenibilità ambientale da cui passa la corretta ed equilibrata alimentazione. Nell’anno di EXPO e in aderenza ai temi suggeriti dall’esposizione universale, Chiara Dynys espone al MARCA di Catanzaro, dal 10 luglio al 9 settembre.

L’iniziativa, organizzata dall’Amministrazione Provinciale di Catanzaro, guidata dal presidente Enzo Bruno, e dalla Fondazione Rocco Guglielmo, rappresenta il frutto di una collaborazione instaurata con il Museo Carlo Bilotti di Roma. L’iniziativa sarà presentata nella conferenza stampa che precederà l’inaugurazione della mostra, alle 17.30. 

Non casuale la scelta di avviare questa collaborazione, caso più unico che raro in Italia di dialogo virtuoso tra musei pubblici e soggetti privati, con una mostra di Chiara Dynys: artista lombarda da sempre legata da un’affinità elettiva con la terra di Calabria. Come dimostrano le sue mostre alla Fondazione Rotella, la sua presenza nella collezione permanente del MAB di Cosenza – città per la quale sta preparando un’opera che verrà collocata proprio in Piazza Bilotti – e il progetto per un’installazione pubblica presso la sede dell’Università della Calabria a Rende. Il percorso al MARCA parte proprio da Pane Al Mondo, coppia di opere gemelle che dà nome all’intero progetto: uno dei due esemplari consta di 360 diverse forme di pane in alluminio e in dimensioni variabili, poggiate su un tappetto ellittico istoriato con l’immagine del planisfero; l’altra ripropone il modello del mondo in forma di arazzo, su cui poggia questa volta una spiga in metallo protetta da una boccia di vetro. Nasce così una riflessione sulle emergenze alimentari, sulle disparità tra i Paesi più ricchi e gli altri: con il cibo, trattato come oggetto prezioso, a schiacciare il mondo. Il pane pesa allo stesso modo su ogni Paese, figurando come l’indigenza dei più poveri sia prima o poi destinata a ricadere anche su chi oggi è più fortunato. Salvo tornare, appena evocato, nell’immagine fragilissima di una spiga indifesa: rimando al simbolo scelto dalla FAO, l’organismo delle Nazioni Unite che si occupa di politiche alimentari su scala globale.   

Strettamente connesso al cibo è il concetto di sostenibilità ambientale. Da qui la scelta di esporre Poisoned Flowers, serie di fiori fantastici sbocciati in un ideale giardino dell’Eden. Si tratta di immagini reali, fotografate dall’artista, che attraverso il ricorso alla stampa lenticolare appaiono e scompaiono davanti allo spettatore, accentuando l’effetto onirico dell’insieme.     

L’Accampamento dei fiori, sorta di traduzione tridimensionale di questo lavoro, è costituito invece da diverse “tende” realizzate in fusioni di metacrilato, all’interno delle quali sono appoggiate coppie di fiori che svaniscono nel loro stesso colore, quasi fossero fantasmi.    

Il rapporto con la luce gioca un ruolo chiave per Dynys; e proprio la luce, considerata come elemento plastico, è al centro di un’altra delle opere presentate al MARCA: Tenda di luce propone una riflessione sul tema della casa, al tempo stesso serra e nido, permeata da una benaugurale aura di sogno. Completano la mostra alcuni pezzi della serie Tutto, le sculture Love Hate e Solidi platonici.