Direttore: Aldo Varano    

Graziano (CdL): "non è possibile ridimensionare il corpo forestale dello Stato"

Graziano (CdL): "non è possibile ridimensionare il corpo forestale dello Stato"
ReP
 
“Nell’ambito della salvaguardia dell’ecosistema dai reati ambientali, che mettono a rischio uno dei patrimoni più importanti del Paese, e per garantire maggiore sicurezza ai cittadini, non è possibile pensare di disperdere, ridimensionare o addirittura smembrare i corpi di polizia specializzati. È un punto fermo – afferma Giuseppe Graziano, consigliere regionale della Cdl – sul quale mi sto quotidianamente battendo.   Da quando si è palesata l’idea di sciogliere il Corpo forestale dello Stato; e che vale anche per la situazione di totale dubbio ed incertezza a cui sta andando incontro la forza di polizia provinciale. Che, a seguito degli effetti dell’abolizione delle Province, rischia di disperdere le sue qualificate professionalità. Il Presidente della Regione, dunque – ecco la proposta di Graziano –  si faccia carico in seno alla Conferenza Stato-Regioni, di investire il Governo della questione, affinché istituzionalizzi un unico corpo di tutela ambientale statale in cui far confluire polizia provinciale e corpo forestale”.  Sul tema, il consigliere regionale ha presentato una mozione in Consiglio regionale. “Se si volesse davvero dare una risposta concreta e risolutiva alla vicenda – spiega – bisognerebbe sollecitare Renzi affinché venga valutata la costituzione di un’unica Forza di Polizia Ambientale statale, così da far confluire gli operatori di Polizia Provinciale ed equiparabili nel Corpo Forestale dello Stato, che verrebbe così ad essere salvaguardato e potenziato. Qualora il Governo centrale dovesse fare orecchie da mercante, potrebbe essere la Regione Calabria ad assorbire il personale polizia provinciale, anche in considerazione del fatto che, avendo già assunto le funzioni svolte dagli uffici di caccia e pesca, verrebbe ad essere concretamente assicurato, a mezzo del personale addetto al servizio di vigilanza, già formato, qualificato ed esperto, il rispetto delle normative vigenti in tali ambiti. Oltre che, ovviamente, nel campo della tutela dell’ambiente e del territorio”.