Direttore: Aldo Varano    

CROTONE. Tour del M5s tra i rifiuti: "in Calabria è tempo di una politica ambientale virtuosa

CROTONE. Tour del M5s tra i rifiuti: "in Calabria è tempo di una politica ambientale virtuosa
Un tour tra il paradosso ed il drammatico quello di domenica a Crotone. Gli attivisti del Meet up locale con l'avvocato Cono Cantelmi hanno accompagnato i portavoce del Movimento 5 Stelle, Laura Ferrara, Piernicola Pedicini e Paolo Parentela, lungo un itinerario delle zone a rischio ambientale del crotonese. «Un vero e proprio giro fra le bombe ecologiche di questo territorio – commentano i portavoce – Crotone è da considerarsi una terra dei fuochi, fra discariche sotterrate, quelle che sorgeranno e quelle ancora in uso nonostante non si rispettino le norme vigenti».

Località Ponticelli è stata la prima tappa del mini tour. Era necessario confrontarsi ancora una volta con i cittadini che da anni convivono con le nauseabonde esalazioni riconducibili ai rifiuti solidi urbani in putrefazione, provenienti dall’impianto di trattamento degli Rsu e di valorizzazione Rd. È stato comunicato loro l'importante risultato raggiunto con l'avvio di un'inchiesta da parte della Commissione europea in seguito all'interrogazione presentata da Laura Ferrara. La visita ha interessato anche l'impianto di smaltimento, al cui esterno sostavano diversi camion carichi di rifiuti e dai quali era evidente la perdita di percolato.

Da Ponticelli, passando per Scandale, ci si è spostati verso un altro sito “caldo”: Giammiglione. Lungo il tragitto sorgono piantagioni di angurie e coltivazioni bio, ma presto la scellerata politica ambientale calabrese che si basa sull'emergenza, partorirà una nuova mega discarica, non si sa ancora se destinata a RSU o a rifiuti speciali, distruggendo così la fonte di sostentamento di molte famiglie e aziende agricole del territorio. Qui Piernicola Pedicini - promotore del progetto di monitoraggio dei siti a rischio ambientale, “Punto Zero” già avviato in Basilicata e Sicilia - ha rilevato l'impatto delle radiazioni, registrato il dato per poi confrontarlo con futuri rilievi nel caso in cui si proceda con la realizzazione della discarica .

«Abbiamo voluto verificare di persona lo stato dei siti che a nostro avviso rappresentano le principali criticità per questo territorio – spiegano Ferrara, Pedicini e Parentela – non è la prima volta che visitiamo queste zone, ma con la nuova legge sugli eco reati e la possibilità di avviare anche in Calabria il progetto Punto Zero, era necessario tornare a Crotone, esempio di come in Calabria non si sia ancora attivata una virtuosa politica ambientale».

In prossimità dell'ex discarica di Farina, ultima tappa del tour dei rifiuti, è stato annunciato l'esposto che verrà presentato nei prossimi giorni in Procura per denunciare lo stato di totale abbandono del luogo e la bonifica mai avvenuta, (in pratica si diffida l'amministrazione a dare risposte sulle sorti della discarica ai cittadini entro 30 giorni). Un invaso dismesso e che deve essere bonificato. Oggi si vorrebbe soltanto procedere a metterlo in sicurezza, cosa che andava fatta più di 10 anni fa, evitando che il percolato, la cui presenza è stata constata durante la visita di ieri, inquinasse la falda acquifera superficiale presente. Come se non bastasse l'amianto giace a cielo aperto ed il resto dei rifiuti fa capolino sotto una coltre di terra che frana di giorno in giorno.

La giornata si è conclusa con un'agorà pubblica in cui si è fatto il punto della situazione. L'ambiente e la possibilità di una Calabria a Rifiuti zero rimane un priorità per il Movimento 5 Stelle che porterà avanti in tutte le istituzioni la questione delle bonifiche e della tutela dei beni comuni, come il sito archeologico di Capo Colonna. Qui si stava consumando l'ennesimo scempio da parte di un Governo ed un Ministero ciechi, sordi e muti. Ma la mobilitazione popolare ha vinto la sua battaglia e presto gli scavi torneranno alla luce dopo essere stati ricoperti da una colata di cemento.