Direttore: Aldo Varano    

BRUNO BOSSIO: "Rilevante impegno del Governo davanti al Parlamento per potenziamento trasporti Calabria."

BRUNO BOSSIO: "Rilevante impegno del Governo davanti al Parlamento per potenziamento trasporti Calabria."
 

Oggi, il Parlamento si è pronunciato a favore del potenziamento del sistema infrastrutturale dei trasporti in Calabria. La Camera dei deputati ha approvato la mozione presentata, prima firmataria on. Enza Bruno Bossio, dal Gruppo Parlamentare Pd. Il testo approvato è stato sottoscritto da tutti i deputati democratici della circoscrizione calabrese (Magorno, Aiello, Battaglia, Censore, Covello, D'Attorre, Oliverio, Stumpo) “Considero assai rilevante - ha dichiarato Enza Bruno Bossio- l’impegno che il Governo ha assunto oggi in forma solenne davanti al parlamento nei confronti della Calabria” . "La decisione odierna - ha proseguito Bruno Bossio – inevitabilmente accelera la stipula dell'Intesa di Programma tra Ministero dei Trasporti e Regione Calabria. Le problematiche che sono state al centro del confronto tra il presidente della Giunta Oliverio e il Ministro Del Rio hanno trovato pieno riscontro nel dibattito parlamentare e nel testo della mozione approvata. Alla luce di tutto ciò assume maggiore rilievo ed efficacia la decisione, che abbiamo già assunto in sede di Commissione Trasporti, di organizzare una missione parlamentare in Calabria per affermare la centralità della velocizzazione dei trasporti calabresi nell'ambito delle strategie nazionali di sviluppo ". "La Calabria rappresenta logisticamente un vero e proprio ponte del Paese nel Mediterraneo, in un’area che vedrà intensificare, nel corso dei prossimi anni, il volume di traffici anche grazie al raddoppio del Canale di Suez che fa proprio del Mediterraneo uno dei centri nodali del mercato globale." “Investire sul sistema infrastrutturale calabrese – ha concluso la parlamentare democratica – diventa quindi una scelta strategica non solo per l’Italia ma per l’intera Europa, rovesciando l’idea di un Sud sempre e comunque subalterno e marginale."