Direttore: Aldo Varano    

MORRONE: "metropolitana leggera, ampliare il progetto fino a Catanzaro e Lamezia"

MORRONE: "metropolitana leggera, ampliare il progetto fino a Catanzaro e Lamezia"
 

                                                                

 

“Quella della metropolitana leggera è un’opera che, una volta realizzata, potrà cambiare il sistema del trasporto cittadino e non solo, ma non per questo dovrà modificare negativamente il volto di Cosenza”.

Lo afferma in una nota il consigliere regionale Ennio Morrone.

“A mio avviso -dice Morrone- sono due i parametri fondamentali cui un’opera del genere deve attenersi: la compatibilità ambientale e la sostenibilità economica. Ecco perché, deve essere innanzitutto pensato un percorso alternativo che non pregiudichi affatto funzionalità e fisionomia di viale Mancini ma che, al contempo, potenzi strategicamente la tratta.

Il percorso, infatti, potrebbe in parte sfruttare il tracciato ferroviario delle Ferrovie della Calabria, che dal canto loro avrebbero la possibilità di giocare un ruolo importante nella gestione della linea, per raggiungere e collegare debitamente Rende e l’Unical con la città di Cosenza. Ma, al tempo stesso, è lecito immaginare anche un incremento del tracciato nella direzione del capoluogo regionale, prevedendo un nodale interscambio a Lamezia, in modo da creare un flusso biunivoco virtuoso.

Con questa soluzione -spiega Morrone- si consentirebbe pertanto il collegamento dell’area urbana bruzia con altre importanti strutture calabresi come l’aeroporto internazionale di Lamezia, la nuova Cittadella regionale e la stessa città di Catanzaro assicurando un inedito, apprezzabile e più vasto servizio ai cittadini capace di catalizzare un’utenza tale da giustificare ampiamente lo sforzo economico previsto, rimodulato così per ammodernare e valorizzare il raccordo Cosenza-Catanzaro.

I tempi -conclude Ennio Morrone- sono cambiati, ed è necessario progettare e realizzare solo grandi opere necessarie in grado di servire grandi realtà”.