Direttore: Aldo Varano    

GIOIA PORTO. Dieni (M5s): Le promesse mancate di Oliverio sui posti di lavoro

GIOIA PORTO. Dieni (M5s): Le promesse mancate di Oliverio sui posti di lavoro

 

"Nel luglio scorso il governatore Oliverio prometteva 800 posti di lavoro per Gioia Tauro: dove sono finiti ora quegli impegni?". A chiederlo e' la deputata del Movimento 5 Stelle Federica Dieni, in merito allo stravolgimento dell'accordo che avrebbe dovuto portare la Lcv-Tua autoworks in provincia di Reggio Calabria per produrre automobili. "Erano 400 - continua la parlamentare pentastellata - i posti che l'azienda americana Lcv-Tua prometteva 'entro pochi mesi', con un investimento complessivo di 120 milioni di euro nel settore dell'industria automobilistica, tra Bari e la cittadina della Piana. Si parlava della produzione di 20mila auto, che sarebbero state assemblate nella cittadina della Piana. Oliverio, che ha concesso il capannone della ex Isotta Fraschini, si gloriava - prosegue Dieni - sulla stampa di aver portato a casa un 'grande progetto di reindustrializzazione'.

Ora apprendiamo che l'impegno, sottoscritto davanti all'ex ministro Guidi e dai governatori Oliverio ed Emiliano, sarebbe radicalmente mutato. Da parte dell'azienda americana, infatti, non ci sarebbe piu' la previsione di investire in Calabria, ma soltanto in Puglia. Fermo restando che e' per certi versi apprezzabile il fatto che il governatore Emiliano definisca la situazione 'incresciosa', nonostante la propria Regione venga salvaguardata, viene da chiedersi - afferma la deputata cinquestelle - quali siano i motivi per i quali e' sfumata un'ipotesi tanto consistente per il rilancio di Gioia Tauro. Naturalmente il mio pensiero non puo' che andare ai tanti disoccupati del nostro territorio, ai lavoratori del porto, in una condizione sempre piu' difficile, alle loro famiglie. Non comprendo come un intervento che poteva essere un buon risultato, uno dei pochissimi per la giunta Oliverio, non sia stato perseguito e difeso con l'attenzione necessaria. D'altra parte da 800 lavoratori a zero il salto e' rilevante. Mostra soprattutto che non c'e' stato alcun percorso di contrattazione e che la Regione Calabria si e' dimostrata ancora una volta inadeguata. Cos'ha intenzione di fare ora Oliverio?", chiede ancora l'esponente grillina. "Noi del Movimento 5 Stelle, sia ben chiaro, non gioiamo - aggiunge la deputata -  di questo fallimento della giunta Oliverio perche' rappresenta un dramma per i lavoratori di Gioia Tauro che speravano di trovare un'opportunita' di impiego alternativa a fronte delle difficolta' in cui versa il porto. Mettiamo dunque a disposizione il nostro patrimonio di idee e la nostra forza per il territorio, cosi' come ribadisco la mia disponibilita' come parlamentare. Non possiamo tuttavia che esprimere costernazione per una Regione che neppure sui dossier piu' importanti riesce a garantire attenzione e competenza. La Calabria - conclude Dieni - non merita tutto questo".