Direttore: Aldo Varano    

GENTILE (Ncd). Corbelli non ha colpa, che è del Pd, ma rinunci alle primarie

GENTILE (Ncd). Corbelli non ha colpa, che è del Pd, ma rinunci alle primarie

"Franco Corbelli non ha alcuna colpa, ha utilizzato una legge regionale sbagliata voluta da una parte del Pd che poi non ha presentato alcuna candidatura. E' un suo diritto partecipare alle primarie, ma io gli chiedo di rinunciarvi per far risparmiare alla regione centinaia di migliaia di euro e per far si che si voti il 26 ottobre".

Lo afferma il senatore e coordinatore regionale del Nuovo Centrodestra, Antonio Gentile. "Chi se la prende con Corbelli sbaglia - prosegue Gentile - perché bisognava cancellare quella legge incostituzionale del 2009 che obbliga tutti i cittadini a sostenere spese pubbliche per scelte private. Il Pd ha dapprima preteso le primarie istituzionali, poi non si e' presentato e quindi c'e' stato un movimento, Diritti Civili, che ha semplicemente partecipato a un bando. Fare le primarie istituzionali in queste condizioni, però significherebbe rendere impossibile la data del voto il 26 ottobre e noi abbiamo bisogno di votare subito e di fare l'election day con Reggio Calabria.

A Corbelli che é impegnato in meritorie battaglie in difesa del garantismo e del sostegno ai poveri chiedo di far risparmiare questa cifra alla Regione Promettendogli che sarà mia cura chiedere a chi oggi esercita le funzioni di Presidente e all'assessore al bilancio di destinare la cifra risparmiata per il sostegno alla povertà e ai bambini abbandonati, argomenti sui quali egli ha sempre espresso grande sensibilità".

"Soprattutto, se egli si ritirera' subito dalle consultazioni istituzionali - conclude Gentile - potremo andare al voto il 26 ottobre e chiudere questo balletto di date e di numeri al lotto che noi, come partito, abbiamo sempre respinto. La Calabria ha bisogno urgentemente di un governo legittimato dagli elettori e spero che questo mio appello, con il conseguente impegno della destinazione dei fondi risparmiati al sostegno alle poverta', possa colpire nel segno".