Direttore: Aldo Varano    

CAL. Oliverio e Magorno mercoledì a Roma per discutere le liste con Guerini

CAL. Oliverio e Magorno mercoledì a Roma per discutere le liste con Guerini

Il segretario regionale del Pd della Calabria, Ernesto Magorno, ed il candidato alla presidenza della Regione per il centrosinistra, Mario Oliverio, incontreranno mercoledì il vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini, per discutere della composizione delle liste. Lo ha annunciato Ernesto Magorno nel corso dei lavori della Direzione regionale del Pd.

''Noi - ha detto Magorno - abbiamo la responsabilità di mettere in campo un progetto credibile sulla base del documento approvato nell'assemblea e tutti quanti insieme, uniti, andremo nella direzione di dare un buon governo alla regione''. La Direzione del partito è stata poi rinviata anche a causa dell'assenza di Mario Oliverio, impegnato in una iniziativa a Cosenza.

''Il Pd - ha aggiunto il segretario regionale - ed il centrosinistra calabrese, il 23 novembre, insieme al Pd dell'Emilia Romagna avranno una grande responsabilità. Nelle prossime ore la coalizione che sapremo mettere insieme sarà sotto i riflettori dei media nazionali ed i calabresi ripongono in noi la speranza che si può cambiare perché' la Calabria diventi una regione normale''.

Nel corso dei lavori, tra gli altri, e' intervenuto Gianluca Callipo, che e' stato candidato alle primarie del centrosinistra, il quale, nel ribadire ''piena lealtà nei confronti del partito e di Oliverio'', ha evidenziato che ''i miei 55 mila elettori devono essere tenuti in considerazione nel momento in cui facciamo le liste e Mario, sposando la linea del rinnovamento, lo deve dimostrare a partire dalla composizione delle stesse. Nemmeno in liste civiche che siano possono entrare coloro che hanno avuto un ruolo nel Governo Scopelliti. Se pensiamo di fare discorsi e metodi diversi e se dovessimo vincere le elezioni avremmo delle difficoltà a governare''. In precedenza, tra gli altri, era intervenuto anche Mario Maiolo, secondo il quale ''al di la' delle cose belle e buone che possiamo dire, il Pd ancora non ha un programma amministrativo, e definirlo significa rompere con i sistemi che governano la Calabria''