Direttore: Aldo Varano    

TALARICO (Udc). Unificazione con Ncd è una buona notizia. E ora lista unica anche in Calabria

TALARICO (Udc). Unificazione con Ncd è una buona notizia. E ora lista unica anche in Calabria

 

Il progetto politico dell'Udc apre a nuovi scenari in vista delle regionali. A livello nazionale, il segretario dell'Udc Lorenzo Cesa ed il coordinatore di Ncd Gaetano Quagliariello hanno confermato l'obiettivo di avviare il percorso verso la formazione di un soggetto politico unitario delle forze della costituente popolare, con un nuovo simbolo e gruppi parlamentari unici.

Il Presidente del Consiglio Regionale di questa IX Legislatura, Francesco Talarico, ci spiega che ''L'idea di una costituente popolare rappresenta un progetto importante, che a livello nazionale Cesa e Quagliariello stanno portando avanti. Mi auguro che gia' in questa tornata elettorale - dice l'esponente Udc - ci siano liste uniche, comuni, tra Ncd ed Udc, anche in Calabria, affinché si possa affrontare in modo compatto la sfida che ci aspetta, dando un punto di riferimento ai moderati. In Calabria si deve agire sulla stessa lunghezza d'onda della concertazione nazionale, unire le forze ed essere sempre più determinanti, in vista del 23 novembre. Ci attende una fase in cui certamente non sarà semplice affermare il ruolo di un partito che parla il linguaggio della responsabilità e non della demagogia e del populismo - continua il Presidente Talarico - la scelta di una costituente popolare e di un polo dei moderati si presenta cosi' come la vera novità, anche sullo scenario politico nazionale, e per questo auspico che i nostri vertici regionali procedano con fermezza''.

''So che a breve si faranno i gruppi parlamentari unici ed anche per questo sarebbe bene che nelle singole regioni si avviassero coordinamenti politici che traducessero sui territori il nostro progetto politico, un progetto politico, ripeto, condiviso, che si mette a servizio dei calabresi''.

Talarico, al suo terzo mandato a Palazzo Campanella, fa il punto su questa rovente fase politica e precisa che: ''Stiamo vivendo un momento difficile, che vede divisioni e contrasti in tutti i partiti. Subiamo innegabilmente le influenze delle politica nazionale, che si riverberano sulla politica regionale, ma l'obiettivo è quello di cercare di fare sintesi, andando a formare delle coalizioni che possano portare ad individuare una maggioranza ed una minoranza espressione delle forze politiche più sane e che siederanno prossimamente in Consiglio Regionale. Nella storia del regionalismo calabrese è la prima volta che votiamo anticipatamente e lo si fa per via delle dimissioni del Presidente dell'ex Giunta regionale Giuseppe Scopelliti. La Calabria ha bisogno di un lavoro di pacificazione per superare le grandi emergenze''.

E rispetto al rilancio della Regione Talarico osserva che ''Dopo anni di riduzione della spesa, di spending review, di ridimensionamenti, davanti a noi ci saranno ancora da affrontare periodi difficili. Tra i punti di forza, però, che possediamo vanno menzionati il turismo e l'agricoltura, noi siamo al centro del Mediterraneo, e questa è un'innegabile risorsa. Non dimentichiamo, altresì, l’opportunità dei Fondi comunitari, che se ben impiegati nei settori finora detti possono creare crescita e sviluppo, andando ad incrementare il prodotto interno lordo di una Regione che sconta tanti ritardi''. (fonte Italpress)