Direttore: Aldo Varano    

CAL Comitato Wanda Ferro: inattendibile sondaggio del Quotidiano che dà vincente Oliverio

CAL Comitato Wanda Ferro: inattendibile sondaggio del Quotidiano che dà vincente Oliverio

(rep)

Un sondaggio inattendibile, realizzato da una società storicamente inaffidabile, tanto inaffidabile che addirittura potremmo considerare di buon auspicio il risultato pubblicato. E’ quanto afferma il Comitato elettorale per Wanda Ferro Presidente, a proposito dei risultati della ricerca commissionata da una testata regionale. Certamente – continua il Comitato – il sondaggio non frenerà la nostra corsa né il nostro entusiasmo.

L’istituto di ricerca ha intervistato circa 800 persone: un dato microscopico rispetto al milione di persone che andranno al voto. In sostanza, tra Wanda Ferro e Mario Oliverio ci sarebbe la differenza di un centinaio di voti. Come dire che il centrosinistra vince in uno degli oltre 2400 seggi elettorali calabresi! Soprattutto appare assolutamente al di fuori di ogni logica il distacco abissale nella provincia di Cosenza, dove i dati in nostro possesso, e il travolgente entusiasmo che accoglie Wanda Ferro nei tanti incontri, indicano una costante rimonta.

Eppure i precedenti in materia, spesso con bufale create in maniera casuale e poco metodica (dai 15 punti tra Bersani e Berlusconi poi giunti alla pari, al pareggio tra Renzi e Grillo alle europee, finito con un distacco di 20 punti) dovrebbero servire a non usare lo strumento dei sondaggi per destabilizzare e orientare la democratica scelta degli elettori. Chissà se la gente intervistata ha pensato di trovare sulla scheda il nome di Renzi e non quello del suo nemico giurato Mario Oliverio. Senza contare, tanto stupefacente da suscitare una certa ilarità, l’idea di un quarto polo vicino alla soglia del quorum, nonostante sia formato da due partiti prossimi alla totale estinzione, che hanno come unici obiettivi quelli di assicurarsi qualche poltrona e vendersi come stampella al migliore offerente. Stentiamo davvero a credere che tra i calabresi ci sia una così forte volontà di tenere in vita i vecchi cinghiali e i potentati.

Veniamo poi alla società che ha realizzato il sondaggio: nel 2013, sempre in Calabria elezioni politiche, la stessa società aveva assegnato 14 punti percentuali a favore di Bersani su Berlusconi, che poi finì 2 punti avanti, quindi un errore di 16 punti in percentuale. Gli stessi sondaggisti davano al 14% Grillo, che in realtà arrivò al 25%, con una differenza tra i voti previsti e quelli ottenuti di circa l’80%. Nel complesso questi sondaggisti in Calabria avevano sbagliato due settimane prima del voto le previsioni elettorali del 2013, di oltre 30 punti in percentuale. Numeri inattendibili storicamente, tanto da chiedersi se il campione di riferimento sia cambiato oppure se sia composto da bugiardi o da gente orientata politicamente. Siamo certi che la notte tra il 23 e il 24 novembre smentirà risultati così inverosimili, che sembrano studiati a tavolino per dare soccorso ad un centrosinistra in scompiglio per la straordinaria rimonta di Wanda Ferro, ed ai loro più o meno occulti alleati.