Direttore: Aldo Varano    

GRATTERI. Ad Oliverio consiglio ...

GRATTERI. Ad Oliverio consiglio ...
"Un suggerimento a Oliverio su un vero atto di cambiamento? La Calabria oggi produce emigrazione, colta, dotta. Io cercherei di scegliere questa gente. Sceglierei come nuova classe dirigente i figli di nessuno che si sono affermati fuori dalla Calabria. I figli degli operai, dei contadini, dei camionisti". Lo ha detto, a "ilfattoquotidiano.it", il procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri.  
 
"Abbiamo bisogno - ha aggiunto - di una rivoluzione dei figli di nessuno  emigrati dalla Calabria perche' per loro non c'erano opportunita'. Il problema, prima ancora della mafia, sono i centri di potere all'interno della pubblica amministrazione dov'e' forte la presenza di figli e nipoti di 'ndranghetisti incensurati che gestiscono la cosa pubblica come cosa propria".  
 
E sulla bassa affluenza alle elezioni regionali in Calabria, considerato che sei persone su dieci non si sono recate alle urne, Gratteri invita "a non abbassare la guardia. Il forte astensionismo non significa che la mafia non sia andata a votare. Puo' anche voler dire il contrario. La 'ndrangheta sul territorio calabrese controlla massimo il 20 per cento dell'elettorato, che pero' e' compatto e vota per il candidato scelto dal capo mafia".