Direttore: Aldo Varano    

CRETU (Ue). Il disastro dei Fondi UE di Calabria, Campania, Sicilia tra scorrettezze e irregolarità

CRETU (Ue). Il disastro dei Fondi UE di Calabria, Campania, Sicilia tra scorrettezze e irregolarità

"Condivido in pieno la decisione del governo italiano di limitare il cofinanziamento nazionale" per Campania, Calabria e Sicilia "al minimo imposto dai regolamenti, al fine di ridurre il rischio che i gravi problemi di sotto utilizzazione e irregolarita' si manifestino con la stessa portata nel 2014-2020". A dirlo e' il neo commissario Ue per la Politica regionale Corina Cretu, intervistata dal Mattino. "Le regioni interessate", continua l'economista rumena, "finora non sono state in grado di gestire correttamente e integralmente i finanziamenti a cui hanno diritto.

Cio' risulta evidente analizzando i loro programmi 2007-2013, che sono fra i piu' in ritardo in tutta l'Ue". "Lo stesso emerge dall'esame dei programmi 2000-2006 delle stesse regioni, programmi non ancora conclusi a causa degli elevatissimi livelli di irregolarita'". E al giornalista che le chiede se le strutture politiche e istituzionali regionali siano responsabili dei ritardi nell'attuazione dei programmi il commissario dice: "le regioni gestiscono autonomamente i propri programmi regionali, e sono quindi effettivamente responsabili quando le cose vanno male. Dal mio punto di vista - continua Cretu -, i problemi principali nelle regioni meridionali sono le carenze" "nella capacita' di programmare e gestire correttamente i fondi, spesso associate a un contesto politico effimero".