Direttore: Aldo Varano    

GIOIA TAURO. Omicidio Brandimarte, sospettato colpevole si costituisce a Gioia consegnando arma del delitto

GIOIA TAURO. Omicidio Brandimarte, sospettato colpevole si costituisce a Gioia consegnando arma del delitto

Un uomo, sospettato di avere ucciso Michele Brandimarte, il 53enne ucciso in un agguato ieri a Vittoria, nel Ragusano, si e' costituito a Gioia Tauro, portando con se' la presunta arma del delitto. La vittima, assassinata con 7 colpi di pistola, era esponente di spicco dell'omonima famiglia, legata alla cosca di 'ndrangheta Piromalli-Mole' di Gioia Tauro. L'omicidio sarebbe maturato nell'ambito della gestione del traffico internazionale di droga. Identificato da polizia di Stato e carabinieri, il presunto sicario si e' costituito al commissariato di Gioia Tauro. Indagini serrate, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura di Catania, hanno permesso di risalire subito al presunto killer, che e' calabrese e che ha consegnato la pistola con cui avrebbe sparato. Agenti delle squadre mobili di Ragusa e Reggio Calabria con la collaborazione dei commissariati di Vittoria e di Gioia Tauro e delle compagnie dei carabinieri della zona in poche ore grazie allo scambio di informazioni avevano gia' permesso di creare terra bruciata intorno al fuggitivo. L'uomo e' ancora interrogato da un sostituto della Procura distrettuale calabrese