Direttore: Aldo Varano    

VIBO. Andrea Niglia (pres Prov),propone taqvolo su area industriale di Porto Salvo

VIBO. Andrea Niglia (pres Prov),propone taqvolo su area industriale di Porto Salvo

Il presidente della Provincia di Vibo Valentia, Andrea Niglia, propone un tavolo tecnico per la risoluzione dei problemi e il rilancio dell’Area industriale di Porto Salvo

La costituzione di un tavolo tecnico, «per affrontare e risolvere, in maniera celere, le problematiche inerenti l’Area industriale di Porto Salvo e programmare, quindi, una serie di iniziative che ne rilancino le attività», è quello che il presidente della Provincia di Vibo Valentia, Andrea Niglia, propone al Comune di Vibo Valentia, al Consorzio di Sviluppo Industriale del Vibonese e all’Associazione provinciale degli industriali.

Il presidente Niglia teme, infatti, che la zona industriale di Porto Salvo, specializzata nella costruzione di impianti metalmeccanici, fino ad oggi fiore all’occhiello del settore in Calabria, rischi di non poter mantenere i propri standard qualitativi e produttivi, in quanto presenta una serie di handicap rispetto ad altre aree industriali.

Tra i limiti che il presidente Niglia mette in evidenza, vi è quello della mancanza di un adeguato collegamento tra la zona di Porto Salvo e il porto di Vibo Marina. Al presidente, infatti, alcune aziende hanno segnalato il venir meno di alcune importanti commesse, a causa dell’impossibilità di poter trasportare, per l’imbarco, prototipi meccanici fuori misura.

Notevolmente penalizzate, inoltre, per il fatto di non poter spostare dai propri cantieri imbarcazioni oltre i 20 metri di lunghezza, risultano le aziende dedite al ricovero e rimessaggio delle barche. Imprese quest’ultime in fase di sviluppo, che hanno, tra l’altro, intrapreso positive relazioni commerciali anche con il mercato cinese.

Da qui, dunque, l’appello che il presidente della Provincia di Vibo Valentia lancia ai soggetti istituzionali interessati: «Affinché si agisca immediatamente per risolvere le problematiche sollevate dagli imprenditori e si rilanci, quindi, l’area industriale di Porto Salvo, attraverso un’adeguata programmazione che investa anche il Governo regionale e nazionale».