Direttore: Aldo Varano    

OLIVERIO. Nessun inciucio e Reggio avrà un ruolo importante nel mio progetto di governo

OLIVERIO. Nessun inciucio e Reggio avrà un ruolo importante nel mio progetto di governo

"In Calabria non esiste alcun inciucio come, invece, qualcuno vorrebbe far intendere". E' quanto ha affermato, e' scritto in una nota dell'ufficio stampa della sua segreteria politica, il presidente della Regione, Mario Oliverio, nel corso della festa del tesseramento svoltasi nei locali della Federazione provinciale del Pd di Cosenza e promossa dal circolo "Centro Storico e Frazioni". "Nel corso della seduta di insediamento del Consiglio regionale di qualche giorno fa - ha proseguito Oliverio - non abbiamo realizzato nulla di diverso di cio' che avevamo detto agli elettori. Abbiamo proceduto all'elezione di un presidente del Consiglio, Antonio Scalzo, che e' uno dirigenti di primo piano del Pd catanzarese. Allo stesso modo la maggioranza ha eletto alla vicepresidenza un esponente della lista 'Oliverio Presidente' e come segretario-questore un eletto dei 'Democratici Progressisti'.

Una forza politica, il Nuovo Centrodestra, ha deciso di votare il candidato alla presidenza da noi indicato e lo ha fatto liberamente senza che questo consenso fosse stato in qualche modo concordato preventivamente. Avevamo gia' detto in campagna elettorale che saremmo stati disponibili e aperti al dialogo e al confronto con forze politiche che non fanno parte della nostra coalizione. Dunque, tutto e' avvenuto alla luce del sole e parlare di accordi sottobanco che nascondono chissà quali fini non corrisponde assolutamente al vero".

Oliverio e' poi tornato sull'approvazione in Consiglio dell'emendamento che introduce il ruolo unico regionale: Calabria non solo non e' in discussione, ma sarà rafforzato. Reggio e' la città piu' grande della Calabria e con noi alla Regione avrà l'attenzione che merita ed avra' un ruolo importante nel nostro progetto di governo. Nessuno pensi di utilizzare argomenti fasulli, che non esistono per cercare di coprire interessi che per quanto ci riguarda saranno combattuti in modo aperto. I dipendenti del Consiglio regionale stiano tranquilli nessuno metterà in discussione la loro sede. Non e' in discussione nemmeno il posto di lavoro che oggi i dipendenti esercitano nella sede del Consiglio e negli uffici della Giunta. Dunque, non ci sarà nessuna spoliazione della città di Reggio che, al contrario, avrà un ruolo centrale nella nostra azione di governo".

Oliverio ha poi chiarito che una delle sfide piu' importanti si giocherà sulla gestione dei fondi comunitari: "Abbiamo lavorato per recuperare il recuperabile delle risorse comunitarie che hanno rischiato il disimpegno. In meno di un mese siamo riusciti a recuperare risorse per 280 milioni di euro che ci hanno consentito di realizzare il target e di superarlo di 14 milioni di euro. Abbiamo messo sul binario della valutazione della Commissione europea il programma 2014-2020 che vedeva la Calabria accantonata insieme alla Campania. Anche su questo versante voglio rassicurare: tutti i territori saranno tenuti in debita considerazione nella nuova programmazione comunitaria.

Abbiamo in mente grandi progetti per dare impulso al progetto di costruzione della citta' metropolitana dello Stretto. Così come vogliamo dare impulso a quanto annunciato in campagna elettorale relativamente ai progetti sul Porto di Gioia Tauro e all'area urbana di Cosenza".

L'ultimo passaggio del suo intervento Oliverio lo ha dedicato ai temi della sanità. "Su questo terreno - ha affermato - sono state dette e scritte tante cose. Mi limito a ribadire quanto ho avuto modo di esprimere nel corso dell'incontro con il presidente Renzi: la sanita' calabrese ha bisogno di un governo politico. Ciò non significa che la politica dovrà mettere le mani sulla sanità. Anzi, a questo proposito, rassicuro tutti: certe pratiche con la giunta Oliverio non ci saranno più. Stop a favoritismi e personalismi. Lavoreremo per valorizzare le migliori professionalità e per dare la possibilità ai calabresi di vedere riconosciuto il diritto a essere curati. Il premier, in questo senso, mi e' sembrato molto sensibile e mi ha preannunciato che presto verrà trovata una soluzione che consenta alla sanità calabrese di avere una guida stabile e certa. E' probabile, infatti, che in sede di conversione del decreto Milleproroghe, venga inserito un emendamento che consenta di aggirare il divieto, introdotto dalla legge di Stabilità, di affidare l'incarico di commissario al presidente della Giunta regionale".