Direttore: Aldo Varano    

OLIVERIO. Già verificato un buco di 2 miliardi e mezzo. Ma è molto parziale

OLIVERIO. Già verificato un buco di 2 miliardi e mezzo. Ma è molto parziale

"Io mi sono insediato due mesi e mezzo fa e già quelli che hanno compiuto disastri in questa regione mi chiedono il conto. Nei prossimi giorni presenteremo il rapporto di un'operazione-verità'' sui conti di questa regione. In ogni punto dove si mettono le mani si trovano macerie".

Lo ha detto il presidente della Regione, Mario Oliverio, intervenendo a Cosenza alla manifestazione sul tema: "Sprofondo Sud".

"Chiedi un rapporto, seppur parziale, sui conti dell'Afor - ha aggiunto Oliverio - e scopri un buco da 200 milioni. Vai a guardare nelle società in house della Regione, un sistema di matrioske, di scatole cinesi in cui si trovano dappertutto centinaia di consulenze, migliaia di clienti e sprechi a non finire. E' stata ricostruita una prima mappa del 'buco' che ammonta a circa due miliardi e mezzo, ma è ancora molto parziale. A fronte di questa situazione drammatica scopri, poi, che le risorse europee sono state utilizzate poco e male.

Io ritengo invece, che si possa fare molto. E in questo senso ritengo che se dovesse nascere un Ministero del Mezzogiorno, dovrebbe avere la funzione intanto di ordinare e di dare propulsione, ma soprattutto di dare aggiunti vita' e non sostituti vita' alle politiche generali.

Nelle regioni del Mezzogiorno per troppo tempo ci si e' fermati alla programmazione e alla cura dell'interesse particolaristico. Bisogna rompere questo cerchio magico, recuperando forme di automatismo nell'utilizzazione delle risorse. Non ci possono più essere personaggi che esaminano i progetti e che, a seconda delle simpatie o delle antipatie, assegnano le risorse. Automatismi, dunque, e premialità. Chi riesce a realizzare gli obiettivi deve essere premiato. Bisogna investire nella innovazione e nella trasparenza".

"E chiaro - ha detto ancora il Presidente della Regione - che tutto questo presuppone un cambiamento e mette in discussione interessi e privilegi consolidati. Non e' ne' semplice ne' facile fare tutto questo. E' necessario stringere un patto. Una volta definito il percorso e gli obiettivi, bisogna 'tirare' verso la direzione giusta. Solo attraverso uno sforzo corale in questa direzione e' possibile rimettere in piedi questa nostra terra e costruire una condizione di crescita, di sviluppo e di credibilità".

"Diciamolo chiaramente: non tutti ha concluso Oliverio - hanno metabolizzato il risultato elettorale che c'e' stato in Calabria. Ci sono forze che si sono sedute sulla riva del fiume aspettando che prima o poi passi il cadavere (politico) del sottoscritto. Io sono convinto che con il fuoco non si possa giocare: in questa regione c’è dignità, determinazione e, soprattutto, tanta speranza e tanta attesa per costruire il cambiamento necessario. Ed io sono li' per cercare di dare voce e risposte a questa attesa e a queste speranze. Sono sicuro che le risposte le daremo. E nessuno condizionera' il nostro progetto