Direttore: Aldo Varano    

TALLINI (Cdx) VS Bevacqua: sulla sanità fa annunci farlocchi

TALLINI (Cdx) VS Bevacqua: sulla sanità fa annunci farlocchi

''Il collega Bevacqua sembra Lello Arena che nella 'Nativita'' urla 'Annunciazione! Annunciazione!' Soltanto che, piu' modestamente, non ha i poteri dell'arcangelo Gabriele e cosi' annuncia notizie farlocche. Qualcuno, dal sottobosco governativo, prende in giro lui e lui prende in giro la Calabria''. Lo afferma, in una nota, il consigliere regionale Mimmo Tallini, del Gruppo misto, in merito alle dichiarazioni del consigliere del Pd Mimmo Bevacqua che ieri aveva sostenuto che all'ordine del giorno del Consiglio dei Ministri di oggi ''c'e' la nomina del Commissario per la sanita' calabrese''. ''Se la situazione non fosse gravissima per i rischi che si fanno correre ai cittadini, visto che dappertutto la sanita' e' a rotoli - prosegue - potrebbe apparire comica, specie dopo l'ennesima fumata nera circa la nomina del commissario. Il risultato e' che dopo mesi di inciuci, tira e molla, salite e discese da Roma con l'unico obiettivo di mettere le mani sulla sanita' concepita come serbatoio clientelare, il Governo tratta la Calabria come una colonia, dato che i suoi esponenti politici non godono ne' di favori particolari ne' di autorevolezza. Al punto che Renzi ed il suo cerchio magico non interloquiscono, su argomenti la cui serieta' e' fuori discussione, ne' col Presidente della Regione ne' con gli Assessori, ma direttamente con un consigliere regionale che forse neppure si rende conto della sfiducia che semina nei cittadini con annunciazioni sballate''. ''Considerato lo stato pessimo dei rapporti politici ed istituzionali tra la Calabria, che mai come ora avrebbe bisogno del sostegno del Governo per affrontare le tante emergenze, e le istituzioni nazionali - conclude Tallini - ci sarebbe da esprimere solidarieta' al presidente Oliverio. Ma alla condizione che il Presidente faccia un mea culpa pubblico dei tanti errori compiuti dall'insediamento ad oggi che lo fanno apparire come un dilettante allo sbaraglio''.