Direttore: Aldo Varano    

CALABRIA. InfoJobs, cresce l’offerta di lavoro

CALABRIA. InfoJobs, cresce l’offerta di lavoro

 

La Calabria si conferma una delle regioni con la crescita maggiore per quanto riguarda le offerte di lavoro. E' quanto emerge dal Rapporto Regionale dell'Osservatorio InfoJobs sul Mercato del Lavoro 2014. La regione analizzata dalla società di recruitment online, con +35% si attesta su valori oltre due volte superiori alla media nazionale, con un aumento delle offerte di lavoro dell'82% rispetto al 2013.

Tra i settori più dinamici, quello delle Telecomunicazioni si conferma il comparto trainante con il 27,5% delle offerte complessive a livello regionale e precede Vendite all'ingrosso, Commercio e Gdo con il 13,9% e Internet, programmi e servizi informatici con il 12,0% (ambedue in forte crescita rispetto al 2013). A seguire, Servizi finanziari (7,3%) e Marketing e Pubblicita' (6,2%).

Più distaccati, Insegnamento e formazione (4,8%), Eventi e Pr (4,6%), Stampa (4,4%), Banche (3,4%) e Turismo e ristorazione (3,1%) chiudono le prime dieci posizioni delle offerte in Calabria. Per quanto riguarda le categorie professionali piu' ricercate, quella degli Addetti alle vendite conferma la prima posizione del 2013 e, con il 41,8% dell'offerta regionale, distacca ampiamente Commercio e Gdo (18,7%). Con percentuali minori, Informatica e Telecomunicazioni (7,5%), Marketing e Comunicazione (6,3%) e Finanza, Banche e Credito (4,8%) completano le prime cinque posizioni delle categorie più ricercate in Calabria per il 2014.

A livello provinciale, Cosenza e' la più attiva con il 34,9% delle offerte (pari allo 0,17% sul totale nazionale). A seguire, Reggio Calabria, con il 23,9%, scalza Catanzaro (seconda nel 2013) che si piazza terza con il 21,7% dell'offerta complessiva. Piu' distaccate, Vibo Valentia (11,8%) e Crotone (7,7%) completano la classifica. Dall'analisi della provenienza geografica dei candidati iscritti al portale InfoJobs emerge che la provincia con il bacino piu' ampio e' Cosenza, con il 39,3% del totale regionale. A seguire Reggio Calabria (28,0%), Catanzaro (19,1%), Crotone (7,1%) e Vibo Valentia (6,5%).