Direttore: Aldo Varano    

CATANZARO. Abramo: Regione e Università intervengano prima del Tribunale per salvare la Campanella

CATANZARO. Abramo: Regione e Università intervengano prima del Tribunale per salvare la Campanella

 

''Regione e Università anticipino le decisioni del tribunale, presentino subito una proposta di salvataggio e rilancio della fondazione Campanella. Soprattutto il socio debitore, la Regione, faccia la sua parte, garantisca le risorse in base agli impegni gia' assunti. Si eviti ad ogni costo che la nomina del liquidatore chiuda per sempre la possibilità di salvare il polo oncologico''. E' questo l'appello che il sindaco di Catanzaro Sergio Abramo ha lanciato al presidente della Regione Mario Oliverio e al rettore dell’Università Aldo Quattrone per evitare quella che definisce ''una catastrofe per il sistema sanitario calabrese''. ''Regione e Università sono i soci fondatori della Campanella - continua il sindaco Abramo - e non possono tirarsi fuori, quasi che la vicenda non li riguardi, lasciando che sia la magistratura ad occuparsene. Occorre in prima battuta evitare che si arrivi alla nomina, da parte del tribunale, di un liquidatore giudiziale che inevitabilmente avrebbe solo il compito di accompagnare alla definitiva estinzione la fondazione. Bisogna fare presto perché' ad aprile saranno esecutivi i licenziamenti. Regione e Università possono ancora esperire l'ultimo tentativo.

C’è ancora la possibilità di salvare il salvabile, a patto che ci sia una concreta volontà. Se si evita la nomina del liquidatore, si può ancora sperare di traghettare la fondazione verso lidi più tranquilli, attraverso la definizione dei contenziosi e la predisposizione di un piano industriale di rilancio della struttura, agganciandolo alle reali esigenze del sistema sanitario calabrese. A quel punto, anche il provvedimento di estinzione adottato, come atto dovuto, dal prefetto, potrebbe essere superato.

Una fondazione Campanella risanata e rilanciata, con un atto di responsabilità dei soci, diventerebbe lo strumento indispensabile per realizzare una seria politica di assistenza sanitaria e di ricerca scientifica nel campo oncologico. A quel punto, occorrerebbe solo regolamentare in maniera seria e rigorosa i rapporti tra la fondazione Campanella, la Regione Calabria e l’Università, con la definizione dei posti letto e delle prestazioni da erogare, individuando i meccanismi per l'occupazione del personale. Regione e Universita' dicano chiaramente se intendono impegnarsi su questo fronte oppure se intendono solo fare i notai della morte del polo oncologico. Mi aspetto questa assunzione di responsabilita' da parte dei soci fondatori - conclude il sindaco di Catanzaro Sergio Abramo - perche' ogni giorno perso puo' rivelarsi fatale per la fondazione, per i suoi dipendenti, per centinaia di ammalati''