Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. "Archi Carmine: rifiuti e compostaggio, quando i cittadini decidono d'impegnarsi

REGGIO. "Archi Carmine: rifiuti e compostaggio, quando i cittadini decidono d'impegnarsi
 

Il comitato cittadino“Archi Carmine non ci sta!!” ha dato il via al progetto autofinanziato di compostaggio collettivo ad Archi Carmine in piena periferia nord di Reggio Calabria, in collaborazione con: il Comune di Reggio Calabria – Assessorato alla qualità della vita, ambiente, sport, salute e benessere, igiene pubblica e decoro urbano – Settore politiche ambientali e culturali;  ARPACAL – Dipartimento Provinciale di Reggio Calabria – ;  AVR – sede locale di Reggio Calabria. L’avvio del progetto è avvenuto con un incontro di formazione, nel salone parrocchiale della Parrocchia Maria S.S. del Carmelo, rivolto alle famiglie che hanno aderito, tenuto dall’esperta Biologa Dott.ssa Elisabetta Pellegrini dell’ARPACAL ed alla presenza dell’Assessore Dott. Antonino Zimbalatti. Ci sono state date tante informazioni preziose e ottimi consigli per poter fare un buon compostaggio, tante le domande e le curiosità sul tema. L’iniziativa darà l’opportunità alle famiglie pilota di gettare i loro scarti organici in delle compostiere che ci sono state fornite gratuitamente dalla società AVR e dare valore agli stessi, trasformando l’umido in una risorsa, che potrà essere riutilizzata per fertilizzare giardini e orti.  Le compostiere verranno situate nella Piazza di Archi Carmine, la stessa che noi cittadini autofinanziandoci abbiamo provveduto nei mesi passati a riqualificare ed abbellire con fiori e piante e strutture di eco-design con materiali di riciclo. La pratica del compostaggio nella sua forma collettiva, nel nostro quartiere, come avviene  già da qualche mese al centro della nostra Città nella Villa comunale Umberto Primo , darà la possibilità, anche in periferia, di poterla imparare e diffondere nel pieno rispetto della natura, riconsegnando le sostanze organiche al ciclo di vita e attraverso  il riciclo dei rifiuti organici avremo un ottimo fertilizzante naturale che maturerà tra diversi mesi, chiamato “compost”. Al tempo stesso diventerà un momento per tutti noi d’incontro, aggregazione e socializzazione. Il progetto ha un valore simbolico, di sensibilizzazione e di informazione per la diffusione del compostaggio a livello domestico per tutti quelli che hanno a disposizione un terreno, orto o giardino, che non risolverà il problema dei rifiuti ma che permette di dare il nostro piccolo contributo come cittadini. Siamo convinti che la partecipazione attiva dei singoli cittadini abbia  ricadute positive sull’ intera collettività e sulle istituzioni che hanno il compito di lavorare e impegnarsi per garantire migliori condizioni ambientali e sociali per tutti. Con piccoli gesti se pur simbolici, continuiamo a coltivare i fiori della speranza e a credere nella possibilità del cambiamento. Ringraziamo tutti i partecipanti: le famiglie che hanno aderito con entusiasmo; l’ ARPACAL nella Dott.ssa Elisabetta Pellegrini  insieme alla delegazione – Dipartimento Provinciale di Reggio Calabria;  l’Assessore Dott. Antonino Zimbalatti con il quale al termine dell’incontro, abbiamo segnalato la situazione di emergenza di cumuli di rifiuti in cui versava Archi Carmine da oltre un mese ed il rischio continuo per la nostra salute. In tarda serata l’enorme cumulo di rifiuti che non permetteva più la facile viabilità sulla strada è stato rimosso dalla società AVR; 

l’ AVR – sede locale Reggio Calabria;

 

                                                       Il comitato cittadino “Archi Carmine non ci sta!!”