Direttore: Aldo Varano    

GRATTERI. Dopo Tangentopoli la corruzione è aumentata

GRATTERI. Dopo Tangentopoli la corruzione è aumentata

 

''Da tangentopoli ad oggi la corruzione e' aumentata di molto, per vari fattori. Fattori culturali, perche' abbiamo un'etica e una morale piu' bassa rispetto a 20 o 25 anni fa''. Lo ha detto il procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri, intervenendo questa mattina a Coffee Break su La7.

''Oggi le gare si fanno - ha aggiunto - con la procedura del massimo ribasso, quindi si stanno aggiudicando dei lavori con un ribasso anche del 30 o 40 per cento. Questo vuol dire sicuramente costruire opere in difformità al progetto. Non conformi ad esempio alla legge anti sismica. Questa procedura è sbagliata. E poi c’è il problema delle varianti in corso d'opera. Non esiste un'opera che si costruisca in Italia dove non ci siano 4 o 5 varianti ed e' li' che ci sono le varie mazzette''.
 
''Per quanto riguarda la riforma della giustizia - ha detto ancora Gratteri, che ha presieduto la Commissione per la revisione della normativa antimafia - se vogliamo velocizzare i processi e non vogliamo arrivare alla prescrizione, dobbiamo informatizzare il processo penale. Noi, ad esempio, abbiamo previsto di far sparire la carta. L'avvocato che vuole le copie, va con la penna usb. Va introdotta, inoltre, la video conferenza: tutti i detenuti ad alta sicurezza, cioe', stanno in carcere e seguono il processo via skype e cosi' risparmiamo anche 70 milioni di euro. Ad oggi si fanno le video conferenze solo per i 41 bis. Ma sono solo 800 detenuti, quando abbiamo una popolazione carceraria di 44 mila persone. Noi utilizziamo 10 mila uomini della polizia penitenziaria solo per le traduzioni. Uomini che potrebbero essere utilizzati per il trattamento dei detenuti nelle carceri o fuori dalle carceri''.
 
''Un'altra cosa importante - ha concluso il Procuratore aggiunto di Reggio Calabria - e' rendere non conveniente delinquere. Un capo mafia non puo' stare in carcere solo 5 anni. Noi abbiamo previsto di parificare il 416 bis all'associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, con una pena conseguente che va dai 20 anni in su''.