Direttore: Aldo Varano    

Estradato in Italia Ciccio l’Americano, n° 3 dei Gambino. Il suo ruolo scoperto dalla Dda di Reggio

Estradato in Italia Ciccio l’Americano, n° 3 dei Gambino. Il suo ruolo scoperto dalla Dda di Reggio

Estradato dagli Stati Uniti d'America, numero 3 della famiglia mafiosa newyorkese dei Gambino, Francesco Palmeri, detto 'Ciccio l'americano', e' arrivato stamani in Italia, all'aeroporto di Fiumicino, e, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, e' stato trasferito dalla Polizia a Rebibbia. Agenti della Squadra mobile di Matera e del Servizio centrale operativo (Sco) hanno eseguito l'ordinanza emessa nel dicembre 2014 (quando Palmeri fu arrestato a New York) dal gip di Potenza su richiesta della Procura distrettuale antimafia del capoluogo lucano (che ha poi chiesto l'estradizione) nell'ambito dell'operazione 'Underboss' su alcuni episodi di estorsione, aggravata dal metodo mafioso, nei confronti di un imprenditore della provincia di Matera.

Nel dicembre 2014 l'operazione antimafia porto' in carcere otto persone con l'accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso. I provvedimenti di custodia cautelare in carcere furono eseguiti in Basilicata, Campania, Sicilia, Lombardia e Stati Uniti d'America. Palmeri, personaggio di spicco di 'Cosa nostra' americana, e' indicato dalle autorita' statunitensi come affiliato alla nota famiglia mafiosa italo-americana 'Gambino' in cui riveste il ruolo di numero 3, ossia immediatamente sotto il capo, l'Underboss.

Il ruolo di 'Ciccio l'americano' - secondo quanto ricostruito dagli investigatori - era emerso fin dal principio dell'inchiesta quando, nell'ambito di un'indagine internazionale coordinata dalla Procura distrettuale antimafia di Reggio Calabria e dall'Eastern District di New York, furono intercettate diverse conversazioni telefoniche con alcuni indagati di quel procedimento. Palmeri fu inviato in Italia dai Gambino per intimorire un imprenditore materano e indurlo cosi' a pagare un milione di euro, a titolo di interessi per un vecchio 'prestito personale' concessogli anni prima. L'uomo mafioso si affido' a un gruppo di malavitosi campani, che avevano collegamenti a New York, attraverso un loro capo, ormai da anni residente nel quartiere di Brooklyn.