Direttore: Aldo Varano    

GIOIA PORTO. La CGIL: Nomina Commissario ignora il territorio e segnala il disinteresse di Renzi e Delrio

GIOIA PORTO. La CGIL: Nomina Commissario ignora il territorio e segnala il disinteresse di Renzi e Delrio

''La nomina di Barbagiovanni Minciullo, comandante della Capitaneria di Gioia Tauro, a commissario dell'Autorita' portuale di Gioia Tauro, al di la' della persona in se', evidenzia il profondo disinteresse del governo Renzi e del Ministro dei trasporti, Del Rio, sul porto di Gioia Tauro e sulla sua prospettiva industriale''. E' quanto scritto in una nota delle segreterie della Cgil e della Filt della Calabria e della Cgil Piana Gioia Tauro.

''L'Autorità portuale - prosegue la nota - non ha bisogno di un militare ma di una professionalità in grado di incidere nei processi commerciali. Da tempo la Cgil ha sollecitato la nomina di un manager o di un profondo conoscitore delle dinamiche portuali e industriali proprio per dare una prospettiva produttiva alla più grande infrastruttura del Mezzogiorno. Anche stavolta dal governo risposte a mezz'asta come per significare cbe sul porto di Gioia il governo vuole proprio spegnere i riflettori.

Ma c'e' di più. Bisogna notare le differenze fra la nomina del commissario dell'autorita' portuale di Trieste e quella di Gioia. A Trieste a febbraio il Ministro dei Trasporti Lupi nomina commissario Zeno D'Agostino condividendo la scelta con il Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia e vice segretaria nazionale del Pd, Debora Serracchiani, e con il sindaco di Trieste, Roberto Cosolini''.

''A Gioia - aggiunge la Cgil - con chi ha condiviso la proposta Del Rio? La verità, invece, e' che dopo la sanità tocca adesso al porto di Gioia Tauro subire le scelte centraliste e coloniali di un governo che sempre meno pratica la strada della concertazione e dell'ascolto vero del territorio e sempre più, invece, esercita una pratica autoritaria sbeffeggiando autonomie e intelligenze di una regione come la Calabria. Siamo convinti che, come gia' successo per Scura, la Giunta regionale ed il suo Presidente non sono stati informati. E Magorno, segretario regionale del Pd, non ne sapeva nulla?''.