Direttore: Aldo Varano    

COSENZA. Bossio, Governo decida emergenza per l'antico centro storico della città

COSENZA. Bossio, Governo decida emergenza per l'antico centro storico della città
"Nei prossimi giorni presenteremo, come parlamentari Pd, una interpellanza urgente tesa a sollecitare il Governo nazionale a valutare la sussistenza dei termini per decidere la dichiarazione dello stato di emergenza per il Centro Storico di Cosenza". Lo afferma, in una nota, la deputata Enza Bruno Bossio.  
 
"E' questa - prosegue - una misura straordinaria ed eccezionale al fine di promuovere una efficace azione di tutela e valorizzazione di un bene unico in Italia, dal punto di vista storico e culturale, che affonda le sue radici nel IV secolo avanti Cristo. I crolli che si registrano sempre piu' frequentemente sono un forte segnale di allarme del rischio elevato che minaccia la sicurezza del patrimonio edilizio e la vita delle popolazioni. L'incuria e l'abbandono hanno accentuato soprattutto il grado del rischio sismico e di quello idrogeologico. Sono richieste immediate misure emergenziali funzionali ad interventi strutturali ed organici. Non e' piu' rinviabile una opera di bonifica e di messa in sicurezza di interi comparti della citta' antica. Non si puo' subire passivamente un processo di depauperamento galoppante e far finta di non vedere quanto siano ormai inefficaci e depotenziate le stesse ordinanze di sgombero e demolizione. Mai come in questo caso sarebbe necessario che la dichiarazione dello stato di emergenza si attuasse prima e non dopo il verificarsi di qualche evento tragico e disastroso. Prevenire costa meno che intervenire dopo l'accadimento del danno. Finora abbiamo registrato inerzie e pigrizie amministrative locali".  
 
"Oggi - conclude Enza Bruno Bossio - l'opportunita' e' data dal fatto che possiamo  utilizzare come punto di forza la dichiarata volonta' del presidente della Regione Mario Oliverio ad assumere il Centro Storico di Cosenza come un polo di interesse strategico nel processo di sviluppo e di crescita della Calabria".