Direttore: Aldo Varano    

OLIVERIO vs MARONI: populismo e demagogia sugli immigrati non servono

OLIVERIO vs MARONI: populismo e demagogia sugli immigrati non servono

"Di fronte al dramma che si sta riproponendo in queste ore di migliaia di disperati, uomini, donne, bambini che attraversano il Mediterraneo per approdare sulle nostre coste, le parole di Maroni nelle quali si sono ritrovati i neo presidenti del Veneto e della Liguria sono assolutamente inaccettabili". E' quanto afferma, in una nota, il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio. "Il populismo, la demagogia, la strumentalita' di fronte al dramma di migliaia di persone in preda alla disperazione - prosegue - sono espressione di cinismo e di una sub cultura che non appartiene ad un Paese civile.

L'impegno delle istituzioni deve essere volto a determinare un cambiamento sostanziale nelle politiche europee verso l'accoglienza e la realizzazione di condizioni dignitose nei paesi di provenienza. Maroni sa benissimo, anche per avere assunto negli anni passati importanti responsabilita' di governo, anche in qualita' di Ministro dell'Interno, che con il fenomeno dell'immigrazione bisogna misurarsi. Non serve il populismo. Il modo migliore per farlo non solo sul piano del rispetto dei diritti umani, ma anche nell'interesse di un paese civile come il nostro e' quello di realizzare adeguate politiche di accoglienza.

L'Europa ed il Paese, nel suo insieme, devono farsi carico dell'accoglienza. Per questo sono inaccettabili le diffide di Maroni ai sindaci e agli amministratori locali volte a chiudere le porte all'ospitalita'. E', d'altronde, incostituzionale, la minaccia della negazione del trasferimento delle risorse da parte della Regione. Dalle regioni meridionali, sulle cui coste approdano ogni giorno migliaia di disperati ci aspettiamo dall'Europa un cambio concreto di attenzione e di politiche. Sono necessarie iniziative e scelte ancora piu' forti ed efficaci di quelle annunciate lo scorso mese di Aprile". "Auspichiamo - conclude Oliverio - che nel vertice europeo del 25/26 prossimi si assumano decisioni necessarie e non piu' rinviabili in questa direzione".