Direttore: Aldo Varano    

LARATTA ed E. TRIPODI. Nel Pd calabrese serve un’immagine nuova, pulita e trasparente

LARATTA ed E. TRIPODI. Nel Pd calabrese serve un’immagine nuova, pulita e trasparente

"La Calabria e' seduta su una montagna di illegalita', il malaffare e' penetrato in tutti i partiti e nelle istituzioni. Occorre una fortissima reazione dell'opinione pubblica, occorre cacciare dalla politica i corrotti e i collusi. Ho piena fiducia nel presidente Oliverio che sapra' ripulire la regione da corrotti o corruttori. Questo e' l'ultimo appello per questa terra". A dirlo e' stato Franco Laratta intervendo ad un incontro a Cropalati cui hanno partecipato amministratori locali, associazioni culturali e giovani.

Ai lavori, aperti dal sindaco di Cropalati Luigi Lettieri e da Fabrizio Grillo dell'associazione nazionale piccoli comuni, ha partecipato anche Elisabetta Tripodi secondo la quale "e' molto piu' pericolosa la malapolitica che la ndrangheta. La mia esperienza politica di sindaco di Rosarno - ha aggiunto - si e' trasformata in una battaglia di resistenza. Hanno tentato sin dal primo momento di farmi andare via. Ho retto per 4 anni e mezzo, poi hanno trovato il modo per far sciogliere il consiglio comunale, anche utilizzando le consiglieri donne, nelle mani di qualcuno ben definito. Doveva essere abbattuto un sindaco diventato suo malgrado un simbolo".

E sulla legalita' in politica, sia Laratta che Tripodi hanno sostenuto che "la moglie di Cesare deve essere al di sopra di ogni sospetto. Questo vale ancora di piu' in Calabria. Nel Pd calabrese c'e' bisogno di un'immagine nuova, pulita e trasparente. Occorre un fortissimo rinnovamento, perche' nei territori il partito e' nelle mani di determinati soggetti, che impediscono ogni forma di cambiamento".