Direttore: Aldo Varano    

SCALZO. Nessuno mi ha chiesto di dimettermi. L'ho fatto per rispetto verso le istituzioni

SCALZO. Nessuno mi ha chiesto di dimettermi. L'ho fatto per rispetto verso le istituzioni
"La decisione di lasciare la Presidenza, incarico a cui i colleghi mi hanno designato nel gennaio scorso, e' scaturita da una riflessione sul delicato momento che la CALABRIA sta attraversando. Ho scelto di dimettermi per rispetto delle istituzioni ma soprattutto per senso di responsabilita' politica". E' uno dei passaggi dell'intervento, in Consiglio regionale, con il quale il presidente dell'assemblea, Antonio Scalzo, ha comunicato la decisione di dimettersi dalla carica. "E' vero che, da presidente del Consiglio regionale, ho assunto un ruolo di 'arbitro super partes' nelle attivita' assembleari - ha aggiunto Scalzo - ma e' altrettanto vero che per entrare in Consiglio ho ricevuto un'ampia investitura democratica legata a un progetto politico, quello del Partito Democratico e del centrosinistra, di cui sono espressione. Era dunque doveroso, da parte mia, che ogni decisione non fosse frutto di un calcolo personale ma tenesse conto delle superiori esigenze del progetto di governo della Regione che ho condiviso e che ho intenzione di portare avanti sotto la presidenza di Mario Oliverio". "Nessuno, nelle sedi politiche del mio partito di appartenenza - ha sostenuto Scalzo - ha chiesto le mie dimissioni. Ma non avrei mai potuto consentire di essere considerato di ostacolo al rilancio dell'azione di buon governo, di cui questa comunita' ha bisogno per far fronte alla difficolta' socio-economica in cui essa versa. Sono un uomo di partito e, prima ancora, un cittadino calabrese che, essendo chiamato a svolgere un ruolo pubblico, non puo' abdicare al senso di responsabilita' che proprio da quel ruolo discende. Dedichero' poche parole all'indagine della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio che ha riguardato la passata legislatura e che e' stata ribattezzata 'Rimborsopoli'. Ogni cittadino e, a maggior ragione, ogni rappresentante delle istituzioni deve rispettare il lavoro della magistratura, che bene ha fatto ad avviare un approfondito esame sull'utilizzo dei finanziamenti ai Gruppi consiliari, in relazione ai quali sono emerse svariate anomalie. Alcune vicende, come quella che ha coinvolto il sottoscritto, ruotano attorno alla necessita' di chiarire i criteri di spesa di somme esigue, per conto del gruppo, in ordine ad attivita' che riguardavano il gruppo stesso e che sono state rendicontate in maniera puntuale, nel rispetto della legge vigente e del regolamento interno al gruppo del Pd. Da molte parti la mia posizione in questa indagine e' stata definita marginale e, ne sono convinto, sara' chiarita fino in fondo. Tuttavia, quanto piu' alto e' il ruolo che si occupa in seno alle istituzioni democratiche, tanto maggiore deve essere la sensibilita' politica. Ed e' questo l'altro fondamentale motivo che mi spinge oggi a comunicarvi la mia volonta' di rimettere il mandato, ribadendo che il problema del finanziamento dei gruppi consiliari va affrontato seriamente dalla politica e non solo per via giudiziaria". "La disponibilita' di somme di denaro e la discrezionalita' nel loro utilizzo concessa dalla legge - ha sottolineato Scalzo - ha generato fatti, fotografati dall'indagine della Procura reggina, che non possono essere archiviati in fretta. Se a questo si aggiunge lo stato di profonda e generale crisi economica che colpisce la CALABRIA, terra in cui la poverta' e' un male ormai quasi endemico, si coglie la gravita' di vicende che finiscono per delegittimare tutte le istituzioni e segnare una frattura sempre piu' profonda nel rapporto tra cittadini ed eletti. Al contempo, sono fermamente convinto, e lo sono fin dalle origini della mia formazione politica e culturale, che la politica non possa e non debba essere un'attivita' riservata solo ai ricchi. Ecco perche', nel profondo e radicale processo di riforma gia' predisposto, che dovra' riguardare il finanziamento dei Gruppi consiliari, sara' fondamentale saper distinguere i costi di funzionamento della democrazia dai cosiddetti "costi della politica", su cui certamente occorre incidere con misure draconiane. Tengo a sottolineare come queste valutazioni non siano nate solo dopo l'indagine su 'Rimborsopoli', ma nascano da una visione condivisa da tempo con l'Ufficio di Presidenza, che ringrazio per il proficuo lavoro svolto in questi mesi. La nostra parola d'ordine e' stata 'sobrieta''. Una linea che abbiamo portato avanti senza ostentazioni, nella convinzione che le rinunce non debbano essere necessariamente di pubblico dominio. Adesso, pero', proprio per la peculiare situazione nella quale ci troviamo, e' giusto ricordare il venir meno di benefit per i consiglieri regionali". Il presidente dimissionario, nel suo intervento, ha ricordato poi "la notevole riduzione dei costi per le missioni, l'abbattimento del 70% delle spese di rappresentanza e della meta' di quelle per patrocini e contributi. Una 'cura dimagrante' attuata con il nostro primo bilancio di previsione. Il Consiglio regionale, tra gestione e manutenzione del palazzo, personale, vitalizi e indennita', ha drasticamente ridotto il proprio budget che quest'anno a consuntivo si attestera' attorno ai 59 milioni di euro. Abbiamo inoltre avviato la rotazione dei dirigenti, non solo per rispettare le disposizioni in materia di anticorruzione, ma anche per evitare il cristallizzarsi delle posizioni dei dipendenti apicali di questa amministrazione". Scalzo ha quindi parlato di una "'rivoluzione' che non si fermera', ma che, ne sono certo, sara' attuata fino in fondo da chi raccogliera' il testimone della Presidenza del Consiglio regionale"